Emergenza caldo negli allevamenti: animali ‘stressati’ dall’afa, produzione in calo

[epvc_views]

L’ondata di afa con temperature agostane a giugno, associata alla siccità perdurante da mesi, sta mettendo a dura prova gli allevamenti di bovine da latte nella regione di Foggia, Italia. Coldiretti Puglia ha denunciato che gli animali nelle stalle stanno producendo il 15% di latte in meno a causa del caldo estremo. Le mucche, in particolare, soffrono quando le temperature superano i 24 gradi, mangiano poco, bevono molto e producono meno latte. Per contrastare l’afa, sono state adottate contromisure come l’uso di ventilatori e doccette refrigeranti nelle stalle. Tuttavia, la situazione è critica: la mancanza di acqua e la diminuzione dei mangimi stanno aggravando la produzione di latte e aumentando i costi per gli allevatori.

Inoltre, lo stress da caldo può portare a una diminuzione della qualità del latte, con una riduzione della quota di grasso. Le vacche da latte ad alta produzione possono subire un calo drammatico nella produzione (fino al 30% in casi gravi) a causa delle alte temperature2. Questa situazione rappresenta una sfida significativa per gli allevatori, con conseguenze sia economiche che per il benessere degli animali.

In sintesi, il caldo estremo sta mettendo a dura prova gli allevamenti di bovine da latte a Foggia, con effetti negativi sulla produzione e sulla salute degli animali. È fondamentale adottare misure adeguate per mitigare gli impatti del clima e garantire il benessere degli animali e la sostenibilità dell’agricoltura.

News dal Network

Promo