Emersa notevole percentuale di dipendenza psicologica nei giovani foggiani

[epvc_views]

La Generazione Z, composta dai giovani nati tra la metà degli anni ’90 e i primi anni 2000, sta affrontando sfide significative in termini di comportamenti a rischio e dipendenze. Uno studio recente ha rivelato dati preoccupanti riguardo ai giovani foggiani, evidenziando un aumento nell’uso di sostanze psicoattive e una maggiore insoddisfazione nelle relazioni familiari e amicali.

Alcol: Circa il 78% degli adolescenti è consumatore di alcol, e il 33% ha avuto esperienze di intossicazione alcolica.

Psicofarmaci: Nel 2022, quasi l’11% dei ragazzi e il 15% delle ragazze ha fatto uso di psicofarmaci.

Prima assunzione: Preoccupa il dato riguardante chi ha utilizzato sostanze per la prima volta a 14 anni o meno, passato dal 27% nel 2018 al 33% nel 2022.

Genere: Tra i 15 e i 16 anni, le ragazze mostrano percentuali superiori di consumo di sostanze psicoattive rispetto ai coetanei maschi. A partire dai 17 anni, sono prevalentemente i ragazzi a riportare di aver consumato 5 o più bevande alcoliche.

Il 37% degli studenti ha avuto gravi problemi nel rapporto con gli amici, soprattutto le ragazze (41%).

Un terzo degli studenti ha avuto gravi problemi nel rapporto con i genitori, e le ragazze sono ancora più colpite (40%).

Conoscere la situazione è il primo passo per intervenire. Questo studio fornisce un quadro attuale della situazione, utile per educatori, insegnanti, operatori della salute pubblica e genitori.

In conclusione, è fondamentale affrontare queste sfide con sensibilità e fornire supporto ai giovani per prevenire e gestire le dipendenze. La consapevolezza e l’educazione sono strumenti essenziali per proteggere la salute mentale e il benessere dei giovani.

News dal Network

Promo