Sicurezza, G7 Senza incidenti, Tiani (Siap): “un successo su tutti i fronti”

[epvc_views]

«Il G7 pugliese rappresenta uno degli appuntamenti più delicati al mondo, considerato tra l’altro, che l’evento  è stato celebrato a cavallo di due guerre, coincidenza unica e drammatica dai mille risvolti. Inoltre per la prima volta un pontefice ha partecipato a detta riunione su un tema complesso, affascinante e pieno di interrogativi che turbano le coscienze di molti, come l’AI. In tema di Sicurezza Pubblica non aver registrato incidenti, pone in evidenza la capacità professionale dei poliziotti e delle Autorità di PS preposte ha garantire la sicurezza dell’evento e non solo. Un Grazie sentito da parte del Siap a tutte le poliziotte, poliziotti e funzionari di ps che hanno lavorato senza sosta, un plauso alle Autorità di PS che hanno la massima responsabilità in tema di Sicurezza Pubblica e Ordine Pubblico, sul piano nazionale il Ministro dell’Interno e locale il Prefetto e il Questore di Brindisi, che hanno lavorato con grande professionalità e autentica disponibilità verso il personale per risolvere le problematiche che emergevano. Il Grazie degli uomini e donne del Siap a tutti i Prefetti, Questori e Dirigenti di tutti i Compartimenti di Specialità della Polizia di Stato pugliese, impegnati a diverso titolo a che i dispositivi di sicurezza funzionassero al meglio, evitando di creare disagio alla popolazione se non strettamente necessario, un grazie alle istituzioni locali della bellissima Puglia e alla sua meravigliosa popolazione, custode di un patrimonio millenario come gli ulivi, che non va disperso ma tutelato dalla volgarità dilagante. Ciò detto, certa politica e le embrionali associazioni militari a vocazione sindacale, cosi come alcuni esponenti dei comandi delle autorità militari, prendano atto dell’ineludibile centralità dell’autorità (civile) di Pubblica Sicurezza un profilo che la democrazia repubblicana non può superare, diversamente sarebbe un altro tipo di Stato che noi avverseremmo con tutta l’energia che abbiamo. Il Coordinamento tra le diverse forze di Polizia che dovrebbero agire all’unisono e realizzabile sul piano dell’efficienza e non sul piano meramente nominalistico solo se il Dipartimento di PS e le Autorità di PS ad ordinamento civile lo garantiscono, perché prive del “naturale” retaggio corporativo del modello militare e meglio integrate con tutti gli ambiti della nostra società. Infatti il modello operativo utilizzato dal Dipartimento di PS per lo storico G 7 di Puglia si è mostrato affidabile, avanzato ed efficiente in tutte le fasi operative».

«Il Siap aveva sul posto una delegazione guidata dal Presidente Nazionale e composta dal Segretario di Brindisi e dal Segretario Regionale Campania, che avevano il compito di monitorare ogni momento di ogni giorno, e supportare i colleghi nelle sbavature organizzative che si presentavano nel corso del servizio e dei lavori. In sintesi il grazie ai nostri colleghi poliziotti vale molto, perché a fronte di chi istigava e incitava alla protesta in modo scomposto e infimo per alcuni evidenti e mortificanti disagi, le nostre donne e i nostri uomini, hanno responsabilmente avuto ben presente la delicatezza e l’importanza del ruolo affidatogli, ciononostante il Siap ha immediatamente interpetrato quel disagio, intervenendo sulle autorità a tutti i livelli. In estrema sintesi noi siamo fieri di essere gli esponenti del personale della Polizia di Stati su cui si regge il sistema Italiano di Pubblica Sicurezza considerato ancora oggi tra i migliori al mondo, abbiamo dimostrato ancora una volta straordinaria capacità nel superare le difficoltà, lavorando con grande professionalità e passione, Viva l’Italia e Viva la Polizia di Stato Democratica e al servizio dei cittadini».

E’ quanto si legge in una nota a firma di Giuseppe Tiani, Segretario Generale SIAP

News dal Network

Promo