Parte la transumanza in Puglia, 4 giorni di viaggio nel Gargano

27 Visite

“Al via la transumanza in Puglia, dichiarata patrimonio dell’umanità dal comitato intergovernativo dell’unesco”.

Lo annuncia la Coldiretti Puglia, aggiungendo che “si tratta di una grande opportunità di tutela e promozione dell’antica pratica ancora viva sul Gargano”.

L’associazione evidenzia il valore della tradizionale migrazione stagionale delle greggi, delle mandrie e dei pastori che, insieme ai loro cani e ai loro cavalli, si spostano dalla pianura alla montagna, percorrendo le vie semi-naturali dei tratturi, con viaggi di giorni e soste in luoghi prestabiliti, noti come stazioni di posta.

 “La transumanza avviene a maggio – spiega Coldiretti Puglia – perché gli animali hanno bisogno di partire, avvertono il caldo, lo patiscono, abbisognano di temperature più fresche dell’alpeggio. Sul Gargano il viaggio dura 4 giorni con 3 soste per riposare a San Paolo Civitate, Santa Croce di Magliano, Ripalimosani e Frosolone. Restano a casa solo gli animali più piccoli, perché non ce la farebbero”.

La transumanza, lo ricordiamo, si snoda attraverso i vecchi tratturi de L’Aquila-Foggia, il famoso tratturo del re, incrociato a San Paolo di Civitate, del Celano-Foggia e del Lucera-Castel di Sangro, “con tratturelli e bracci tratturali da raccordo e tratti di strade statali, provinciali e comunali. Il camminamento – osserva l’associazione – è scortato dalla polizia stradale preallertata, perché la mandria invade le strade, ricreando scenari da amarcord”.

 “Il riconoscimento Unesco tutela un’attività ad elevato valore ecologico e sociale poiché – conclude Coldiretti – si concentra nelle zone svantaggiate e garantisce la salvaguardia di ben 38 razze a vantaggio della biodiversità del territorio” (Fonte: Ansa)

News dal Network

Promo