Associazione foggiana denuncia, stele dedicata a Panunzio nel degrado

26 Visite

La stele dedicata a Giovanni Panunzio, il costruttore vittima della mafia foggiana ucciso il 6 novembre del 1992, rischia di sparire nel degrado e tra le erbacce che da settimane insistono nell’omonima piazza dove è stata collocata, nel centro di Foggia.

Lo denuncia l’associazione intitolata all’imprenditore che chiede un intervento della sindaca.

“Più volte nel corso delle ultime settimane ci è capitato di passare di fronte alla stele dedicata a Giovanni Panunzio nell’omonima piazza a Foggia, presso il parcheggio dell’Ataf dato in concessione ad un privato – sottolinea il presidente dell’associazione Dimitri Lioi – Il basamento della struttura è oramai ricoperto da erbacce alte un metro. Uno spettacolo indecoroso e vergognoso, di fronte al quale si resta sgomenti”.

    Lioi sottolinea come “attorno alla piazza da tempo vi è un contenzioso di cui non abbiamo sufficiente contezza, tranne il fatto che avvicinarsi all’area soprastante il parcheggio e sul quale insiste la stele antimafia non è agevole. Sappiamo, inoltre, che la complessa questione insorta tra Ataf, comune di Foggia e l’attuale concessionario privato, che rivendica la gestione diretta della stessa piazza, perdura da anni e non è certo responsabilità dell’attuale giunta, che, anzi, si è posta il problema e ha cercato di formulare alcune proposte migliorative”.

    l presidente dell’associazione chiede l’intervento della sindaca per risolvere la questione. ” Non fare nulla, perdere tempo, lasciare quello scempio a cielo aperto davanti a tutte e tutti significa non praticare una vera e vivente memoria antimafia e cedere di nuovo di fronte alla prepotenza criminale e alla incultura che essa esprime” – conclude. (ansa)

News dal Network

Promo