Prossime tappe inclusion fest #unifg

57 Visite

Vieste, Altamura, Cerignola, Biccari, Trani, Lesina. Sono solo alcune delle prossime tappe che l’Inclusion Fest, un festival dedicato alla valorizzazione delle differenze con un particolare focus sulle tematiche legate alle disabilità, si appresta a compiere nei prossimi mesi. Con l’hashtag #sFoggiamolabellezza, questa iniziativa si propone di celebrare il valore dell’inclusione, coinvolgendo tutte e tutti in un viaggio verso una maggiore comprensione e apprezzamento della diversità.

Stando a quanto si apprende, ideato dalla prof.ssa Giusi Antonia Toto, docente ordinaria di Didattica e Pedagogia Speciale presso l’Università di Foggia e delegata rettorale alla Formazione insegnanti e formazione continua e all’Orientamento, nonché coordinatrice del centro di ricerca Learning Science Institute (LSi) del Dipartimento di Studi Umanistici, l’Inclusion Fest rappresenta un’opportunità unica per riflettere sulle molteplici sfaccettature dell’inclusione e per celebrare la ricchezza che le differenze portano nella nostra società. Proprio la prof.ssa Toto afferma:

«L’Inclusion Fest rappresenta un sentiero luminoso che intendiamo tracciare, uno che ci porta attraverso il cuore delle differenze umane per rivelare la loro bellezza e la loro forza. In un mondo spesso diviso da barriere invisibili, desideriamo trasformare le differenze da ostacoli apparenti in ponti tangibili che connettono le nostre esperienze e le nostre conoscenze. Oltre a promuovere l’accettazione e l’integrazione, vogliamo celebrare le diversità come ricchezza fondamentale della nostra umanità condivisa. È solo abbracciando pienamente la gamma infinita di identità, prospettive e abilità che possiamo costruire una società più empatica, rispettosa e inclusiva. Attraverso l’Inclusion Fest, aspiriamo a illuminare la via per un futuro in cui ciascuno sia non solo accettato, ma apprezzato per ciò che è, e dove l’unità emerge dalla varietà, rendendo il tessuto stesso della nostra umanità più forte e più bello».

La diversità è un tesoro che appartiene a ciascuno, indipendentemente dalle etichette e dalle categorie, è un valore da apprezzare, conoscere e, soprattutto, da esibire con orgoglio nella sua interezza. «Con l’Inclusion Fest, – afferma il prof. Lorenzo Lo Muzio, Rettore dell’Università di Foggia – siamo determinati non solo a celebrare la ricchezza della diversità che caratterizza la nostra comunità accademica, ma anche a tradurre questa celebrazione in azioni concrete volte a creare un ambiente accogliente e inclusivo. Crediamo fermamente nell’importanza di valorizzare ogni singolo individuo per le sue unicità, perché riconosciamo che è proprio dalla varietà delle prospettive, delle esperienze e delle culture che nasce la vera ricchezza intellettuale e umana. Ci impegniamo quindi a promuovere un ambiente in cui ciascun membro possa sentirsi pienamente accettato e apprezzato, dove le differenze non solo sono rispettate, ma considerate come fonte di arricchimento. Sogniamo e lavoriamo per un futuro in cui l’uguaglianza e l’accettazione siano i fondamenti su cui si erige la nostra università e, di riflesso, la società in cui operiamo. Insieme, come una famiglia accademica unita, ci adoperiamo per creare uno spazio in cui ogni voce trovi ascolto e ogni talento possa fiorire. Siamo convinti che solo attraverso la collaborazione e il rispetto reciproco possiamo costruire un ambiente in cui ognuno possa raggiungere il proprio pieno potenziale e contribuire positivamente alla società. Ogni passo che compiamo verso l’inclusività e l’equità è un investimento nel futuro di tutti noi, un passo verso una società più giusta, tollerante e progressista. È con questa visione e questo impegno che guardiamo avanti, pronti a costruire insieme un futuro luminoso per l’Università di Foggia e per il mondo che ci circonda».

Nel corso di ogni tappa dell’Inclusion Fest, saranno organizzati una serie di eventi, workshop e attività che spazieranno dalla sensibilizzazione sulle tematiche legate alle disabilità alla promozione di pratiche inclusive nei vari ambiti della vita quotidiana, oltre a momenti culturali, di svago, di musica e di aggregazione. Gli esperti del settore, poi, troveranno spazio per condividere le loro conoscenze e le loro esperienze, offrendo spunti preziosi per costruire una società più inclusiva e accogliente per tutti. «La nostra visione per l’Università non si limita solo ad accogliere la diversità, ma mira ad abbracciarla attivamente come una fonte di arricchimento. Cerchiamo di trasformare le sfide in opportunità tangibili, aprendo così le porte a un mondo di conoscenza accessibile a ogni singolo individuo. Siamo impegnati a creare un ambiente inclusivo in cui ogni voce sia valorizzata e ogni prospettiva contribuisca alla crescita collettiva. Lavoriamo costantemente per rimuovere gli ostacoli che limitano l’accesso all’istruzione superiore, affinché l’Università diventi veramente un luogo dove tutti possano prosperare e realizzare il proprio potenziale, indipendentemente dalla loro provenienza, identità o background» – è la prospettiva del prof. Giorgio Mori, delegato del Rettore alla Didattica e al Placement.

Sarà, infatti, un’occasione per celebrare le voci e le storie di coloro che spesso vengono marginalizzati o ignorati nella società, un’occasione per rafforzare l’impegno della comunità verso una vera inclusione e accessibilità per tutti.

News dal Network

Promo