Processo Frigopuglia, la società assolta “perchè il fatto non sussiste”

27 Visite

 Il Tribunale di Bari ha prosciolto la società Frigopuglia di Bari, difesa dall’avv. Antonio La Scala, per il reato previsto dal D. L.Vo 231/ 2001 ( la nota legge sulla responsabilità delle persone giuridiche per i reati commessi dall’amministratore), perché, in relazione alla commissione del delitto di lesioni personali colpose superiori a 40 gg, quale società datrice di lavoro del sig  C.G , infortunatosi gravemente durante l’attività lavorativa, in violazione del T.U. sulla salute e sicurezza sul lavoro, non avrebbe sottoposto i Dispositivi di Protezione Individuali, nella fattispecie maschere con filtri adeguati alla tipologia di rischio, a regolare manutenzione, riparazione e sostituzione secondo le indicazioni fornite dal fabbricante e  per non aver dotato di misure tecniche ed organizzative idonee a ridurre al minimo i rischi connessi all’uso del carrello elevatore non idoneo al sollevamento di persone.

Tali violazioni, secondo l’impostazione accusatoria, avrebbero contribuito colposamente a cagionare le lesioni al Sig C.G.

 In realtà, il Tribunale, dopo una lunga ed articolata istruttoria, ha prosciolto la nota azienda barese dai reati contestati dalla normativa sulla responsabilità delle persone giuridiche perché nessun giudizio di   responsabilità può addebitarsi alla medesima in quanto, così come dimostrato dal  difensore di fiducia avv. La Scala, nessuna violazione è stata commessa proprio per il rigoroso rispetto delle norme in materia di antinfortunistica e sicurezza sul lavoro.

News dal Network

Promo