A Foggia 100mila tappi di plastica diventano un murales

42 Visite

Foggia ha il suo eco murales realizzato con oltre 100mila tappi di plastica di varie grandezze dall’artista venezuelano Oscar Olivares presente questa mattina all’inaugurazione della sua opera.

L’eco murales è stato realizzato su una delle pareti esterne della palestra della scuola media Zingarelli e riproduce una bozza dell’artista foggiano Vito Moreno che raffigura un nonno con la sua nipotina e sullo sfondo la fontana del Sele in piazza Cavour (fontana che ha compiuto 100 anni dall’inaugurazione il 21 marzo scorso).

    “C’è voluta una settimana per realizzare concretamente il murales.

Ma ci abbiamo lavorato per un anno per selezionare i tappi da utilizzare – ha sottolineato l’artista -. È stata un’opera vissuta dalla cittadinanza. In molti armati del loro caschetto sono saliti sull’impalcatura per inserire i tappi.

    Hanno vissuto con grande emozione la partecipazione all’opera”.

    L’artista è conosciuto per le sue opere che trasmettono messaggi di eco sostenibilità ambientale legati alla capacità di trasformare quello che spesso viene visto come un rifiuto in una opportunità artistica. “Vorrei dimostrare a tutti che anche con ciò che viene considerato un rifiuto come i tappi è possibile realizzare qualcosa di bello”, evidenzia Olivares. L’artista – innamorato delle bellezze dell’Italia e del territorio della provincia di Foggia – non esclude la possibilità di realizzare un’altra opera sostenibile anche a San Giovanni Rotondo, che riprodurrebbe il volto di San Pio. “Per me è un onore realizzare le mie opere qui in Italia, a Foggia e in altri comuni. Ci stiamo lavorando. Ci vuole tempo. Si pensa al prossimo anno”. (ansa)

News dal Network

Promo