San Severo: spaccio droga indoor, sequestrati 22 immobili abusivi

50 Visite

Ventidue immobili abusivi, realizzati in una zona del comune di San Severo in provincia di Foggia, sono stati sequestrati da agenti della Polizia di Stato, in collaborazione con la Polizia locale, in esecuzione di un decreto preventivo (il quarto della serie), emesso dal gip del tribunale del capoluogo dauno. Il provvedimento è scaturito da un’indagine della Squadra Mobile, coordinata dalla Procura della Repubblica, che ha coinvolto 13 persone sottoposte alle indagini preliminari in relazione al reato di occupazione abusiva di suolo pubblico. L’operazione si inserisce nell’ambito delle attività investigative che hanno dato origine alle maxi operazioni concluse dalla Polizia di Stato l”anno scorso con il sequestro di circa 160 manufatti abusivi all”interno dei quali si sarebbe svolta un’attività di traffico illecito di sostanze stupefacenti, gestita con una organizzazione simile a quella delle attività commerciali comuni e lecite. Si tratta di vere e proprie ”piazze di spaccio” indoor individuate e smantellate nei diversi quartieri popolari del comune di San Severo. Da qui la strategia della Procura di costruire un unico fronte operativo per le attività d’indagine, tra Polizia di Stato e Polizia Locale di San Severo, con lo scopo principale di colpire quei luoghi di spaccio per ripristinare la legalità, anche dal punto di vista ambientale e urbanistico.

Le indagini hanno riguardato una nuova serie di fabbricati costruiti su suolo pubblico in assenza dei titoli autorizzativi previsti, senza agibilità e traendone profitto, visto che i manufatti abusivi, oggetto di sequestro, sono stati destinati a ricovero/deposito di mezzi fungendo da vere e proprie pertinenze alle abitazioni. Ciò ha permesso di accertare la trasformazione urbanistica dell’area con una alterazione della originaria destinazione d’uso occupando, di fatto, spazi pubblici per fini privati che potevano essere destinati a strade e marciapiedi o aree di pubblica utilità. L’attività eseguita oggi dalla Polizia di Stato, seguita alle esecuzioni precedenti, “ha suscitato il compiacimento dei cittadini sanseveresi, giovati di un concreto ripristino della legalità e della restituzione di spazi pubblici a loro destinati”, spiega la Questura.

News dal Network

Promo