Puglia: arresto ex assessore, 2 giorni fa sul sito del suo movimento appello per trasparenza

38 Visite

«Nel contesto delle prossime elezioni amministrative, a margine delle recenti notizie di cronaca che vedono la politica locale e regionale essere travolta da un vero e proprio uragano giudiziario, noi di ‘Senso Civico per la Puglia’, insieme a tutte le delegazioni locali, condividiamo e accogliamo le parole di ‘Avviso pubblico’ e ‘Libera’, a sostegno di un rinnovato patto di fiducia con i cittadini”. E quanto si legge sul sito web di Senso Civico per la Puglia, il movimento politico regionale di cui era leader Alfonso Pisicchio, l’ex consigliere e assessore regionale all’Urbanistica nella giunta Emiliano fino al 2020, da pochi mesi nominato dallo stesso governatore presidente dell’agenzia regionale Tecnologia e Innovazione, arrestato ieri per truffa, corruzione e finanziamento illecito ai partiti, insieme a suo fratello Enzo Roberto, nell’ambito della nuova inchiesta della Procura del capoluogo pugliese.

Il documento risale al 9 aprile scorso. Senso Civico per la Puglia, che aveva partecipato nella coalizione di centrosinistra alle regionali del 2020, non riuscendo per poco a ottenere il seggio, “è il primo movimento civico – si legge nel documento – a sottoscrivere l’appello rivolto alle candidate e ai candidati alle prossime elezioni amministrative ed europee 2024, promosso da Libera e Avviso pubblico”. “Siamo da sempre i sostenitori di una politica pulita, trasparente, consapevole, perbene, fatta da gente onesta e a sostegno di ogni singolo cittadino e mai di interessi personali o particolari», si aggiunge.

«Noi crediamo fortemente nell’importanza di una politica che sia la voce di quel “senso civico” che contribuisce a creare consapevolezza del pensiero democratico e che – quotidianamente – lotta contro le possibili contaminazioni mafiose e corruttive che nulla hanno a che fare con la libera partecipazione dei cittadini alla ‘res pubblica’. Perché la politica, quella vera, quella che a noi piace, è prima di tutto impegno, devozione e spirito di sacrificio. È il momento di tornare a credere con rinnovato entusiasmo che una politica perbene è possibile per una società più equa e ispirata ai principi costituzionali e mai più contaminata da deformazioni antidemocratiche che corrispondano a corruzione, nepotismo e qualsiasi forma di abuso di potere che minerebbe la fiducia dei cittadini nel processo democratico. Chi sarà chiamato a rappresentare la comunità barese e le cittadine e i cittadini della regione Puglia saprà di dover rispondere a questioni ambientali, sociali ed economiche che influenzano la vita quotidiana delle cittadine e dei cittadini, insieme alla possibilità di proporre soluzioni concrete e sostenibili e sempre ispirati da principi di benessere per la collettività». (foto Repubblica)

News dal Network

Promo