Sperimentazioni del metodo analogico a Vico del Gargano

49 Visite

Il 18 marzo 2024 a Vico del Gargano il Learning Science institute (LSi) dell’Università di Foggia presenterà il volume “Sperimentazioni del Metodo Analogico: esperienze, pratiche, ricerche”, un volume che esplora pratiche, prospettive e processi legati al Metodo Analogico, sviluppato da Camillo Bortolato, che ha influenzato numerosi docenti e coinvolto milioni di studenti in Italia. La presentazione del volume sarà seguita da interventi approfonditi sulle varie tematiche trattate e coinvolgerà studenti, Corsisti TFA ed esperti del settore.

Il Learning Science institute (LSi) dell’Università di Foggia, centro di ricerca coordinato dalla prof.ssa Giusi Antonia Toto, ordinaria di Didattica e Pedagogia Speciale e delegata del Rettore alla Formazione Insegnanti e Formazione Continua, nonché neodelegata all’Orientamento, presenterà il volume “Sperimentazioni del Metodo Analogico: esperienze, pratiche, ricerche”, il 18 marzo 2024 a Vico del Gargano.
 
Il volume raccoglie, in sedici capitoli scritti a più mani, pratiche, prospettive e processi del e sul Metodo, un approccio all’apprendimento che si distingue per la sua naturalezza e la capacità di adattarsi al ritmo individuale dei bambini, permettendo loro di esprimersi pienamente. Liberato da eccessive sovrastrutture orientate verso il docente e fondato sull’importanza dell’intuizione, si rivela un valido aiuto sia per gli studenti che per gli insegnanti. Questa visione è stata delineata dal suo ideatore, Camillo Bortolato, un esperto pedagogista con una lunga esperienza nell’insegnamento.

Il Metodo Analogico ha già conquistato la fiducia di numerosi docenti e ha beneficiato di un’ampia diffusione in Italia, coinvolgendo almeno due milioni di studenti, come evidenziato da ricerche condotte dal Centro Studi Erickson di Trento.

“Questo evento segna un importante traguardo nel nostro percorso di ricerca e di condivisione delle conoscenze nel campo della didattica e della pedagogia speciale. Il Metodo Analogico rappresenta un approccio innovativo e inclusivo alla didattica, capace di offrire opportunità di apprendimento significative e personalizzate a tutti gli studenti, indipendentemente dalle loro capacità e abilità. Le esperienze e le pratiche raccolte in questo volume testimoniano l’importanza di adottare strategie pedagogiche flessibili e creative per favorire l’inclusione e il successo di ogni individuo nel contesto scolastico. Come docenti e ricercatori, è nostro dovere continuare a esplorare nuovi approcci e metodologie didattiche, al fine di promuovere un’educazione sempre più equa e inclusiva per tutti gli studenti. Questo volume rappresenta solo un primo passo in questa direzione, e sono certo che le idee e le riflessioni qui contenute costituiranno un prezioso punto di partenza per ulteriori studi e sperimentazioni nel campo della pedagogia speciale”, queste le parole della prof.ssa Toto.

L’evoluzione della scuola è indirizzata verso una prospettiva innovativa, orientata alla sperimentazione con nuove tecnologie, strategie e strumenti, pur mantenendo saldo l’obiettivo principale di garantire un’educazione inclusiva per tutti. È proprio in questo contesto che si inserisce la sfida sollevata da questo volume: comprendere se il Metodo Analogico possa contribuire efficacemente a perseguire tale obiettivo.  

“A nome dell’Università di Foggia, sono lieto di presentare il volume “Sperimentazioni di Metodo Analogico: esperienze, pratiche e ricerche” a Vico del Gargano. Questo contributo rappresenta la culminazione di rigorose sperimentazioni, pratiche insightful e dedicati sforzi di ricerca nel campo della Metodologia Analogica. È testimonianza della curiosità intellettuale e dell’eccellenza accademica che caratterizzano la nostra comunità universitaria. La collaborazione tra università e scuole, il coinvolgimento attivo degli studenti, sottolinea il nostro impegno nel promuovere un ambiente di apprendimento dinamico in cui l’innovazione fiorisce e la conoscenza viene costantemente approfondita. Attraverso tali sforzi, arricchiamo non solo le nostre attività accademiche, ma contribuiamo anche al più ampio dibattito accademico. Estendo le mie più sincere congratulazioni a tutti gli autori per i loro preziosi contributi a questo volume. Come Magnifico Rettore, sono immensamente orgoglioso dei successi della nostra università e dell’impegno dei nostri dottorandi e docenti. Insieme, continuiamo a difendere gli standard più elevati di eccellenza accademica e di ricerca. Grazie a tutti coloro che hanno contribuito a rendere questa pubblicazione una realtà e che possa servire da faro di conoscenza e ispirazione per le generazioni future”, così dichiara il Magnifico Rettore dell’Università di Foggia, il prof. Lorenzo Lo Muzio.

Il libro si propone quindi di gettare le basi per una risposta fondata sulle evidenze, raccogliendo sedici capitoli che esplorano pratiche, prospettive e processi legati a questo metodo, nel solco di un percorso di ricerca promosso dall’Università di Foggia, il primo Ateneo italiano a esplorare da vicino il potenziale del Metodo Analogico e ad acquisire lo statuto di “amico” del Metodo Analogico.

“Quest’opera rappresenta un prezioso strumento per la pratica didattica, offrendo un panorama ricco e diversificato di approcci innovativi nell’insegnamento e nell’apprendimento. Le esperienze e le pratiche pedagogiche descritte nei vari contributi sono il frutto di un lavoro appassionato e mirato, il quale fornisce spunti concreti e ispirazioni per affrontare le sfide educative quotidiane. Confidiamo che le idee e le metodologie qui presentate possano catalizzare un’evoluzione significativa nel modo in cui concepiamo e pratichiamo l’insegnamento, promuovendo un ambiente educativo sempre più inclusivo, dinamico e orientato al successo degli studenti”, conclude così il prof. Giorgio Mori, delegato alla Didattica e al Placement.

L’evento, che si svolgerà presso l’Auditorium comunale “Raffaele Lanzetta” di Vico del Gargano, avrà inizio alle ore 10.30 con i saluti istituzionali a cura del Magnifico Rettore dell’Università di Foggia, il prof. Lorenzo Lo Muzio, della Dirigente Scolastica dell’I.I.S.S. “Publio Virgilio Marone”, prof.ssa Maria Carmela Taronna, oltre del Sindaco del Comune di Vico del Gargano, Avv. Raffaele Sciscia, e dell’Assessore all’Istruzione e alla Cultura, Rita Selvaggio.
Alle ore 11.00, poi, seguirà la presentazione del volume stesso, guidata dalla prof.ssa Giusi Antonia Toto, e da una serie di interventi che approfondiranno i singoli capitoli del libro, a cura del team del LSi.

L’evento rappresenta un’opportunità imperdibile per approfondire il dibattito su questo innovativo approccio educativo, anche grazie alla partecipazione dei corsisti del TFA Sostegno e delle studentesse e degli studenti delle scuole del territorio, offrendo un’opportunità di dialogo e scambio di idee tra accademici, professionisti del settore, istituzioni educative e organizzazioni.

Tutte le informazioni su questo evento e sulle iniziative promosse dal Lsi sono disponibili sulla pagina Istagram @learningscienceinstitute.

News dal Network

Promo