Larve di mosca nei piatti a Foggia, Ladisa: tutto molto strano, i legali accerteranno la verità dei fatti

42 Visite

In merito ai fatti rappresentati in queste ore attraverso una nota diffusa dal 

Policlinico di Foggia agli organi di stampa dal titolo “Larve di mosca nei piatti, il  Policlinico sanziona azienda ristorazione”, per la società Ladisa è fondamentale  rappresentare delle puntualizzazioni che sono certamente dirimenti per ricostruire i  presunti fatti descritti. 

Appare strano che si parli ben 14 giorni dopo di un piatto assegnato ad un posto  letto non occupato da paziente, eppure richiesto dal personale ospedaliero. Il piatto  contestato è stato però aperto da qualcuno (non già da un degente), e nessuna contestazione è stata rappresentata nell’immediato a questa azienda che ha sul  posto un presidio attivo e presente per la somministrazione. 

In aggiunta si precisa che non si conoscono le procedure e la tracciabilità di  campionamento che hanno portato alle deduzioni rappresentate nella contestazione odierna, e questa modalità è stata gestita in modo irrituale rispetto alla collaborazione in atto.

A ciò si aggiunga che la società Ladisa ha sempre adottato tutte le misure atte a prevenire il verificarsi di episodi come quello oggetto di contestazione all’uopo munendo i locali del Centro Cottura, ove sono preparati giornalmente i pasti veicolati in legame fresco-caldo, di opportune barriere antinsetto oltre a tutte le altre dotazioni in punto di misure di prevenzione e protezione necessarie a tenere 

sotto controllo eventuali contaminazioni da corpi estranei. A supporto di quanto esposto, si precisa ulteriormente che all’interno del Piano di Autocontrollo del Centro di Preparazione e Confezionamento Pasti è dedicata una specifica procedura aziendale relativa al controllo degli infestanti, disinfestazione e derattizzazione che comprende un piano di monitoraggio con interventi programmati eseguiti da 

proprio personale qualificato. Inoltre, è doveroso osservare come all’interno delle cucine e dei reparti di lavorazione/produzione venga effettuato il c.d. “monitoraggio 2 attivo” che consente giornalmente di individuare tracce di eventuali infestanti sì da consentire alla scrivente società di intervenire, in via preventiva, celermente e  tempestivamente a rimuovere l’eventuale presenza di corpi estranei.

Ladisa, naturalmente, ha dato mandato ai suoi legali di procedere affinché emerga la  verità e sia tutelata la sua integrità che non può essere messa in discussione da affermazioni e ricostruzioni fantasiose ed illative.

News dal Network

Promo