Presunti maltrattamenti a scuola, condannata maestra a Biccari

42 Visite

Una insegnante condannata, due assolte. Dopo sei anni e 44 udienze, si è chiuso con questa sentenza il processo di primo grado a carico di alcune maestre di Biccari, comune del Foggiano, accusate di maltrattamenti nei confronti di alcuni alunni di una scuola primaria.

Il Giudice monocratico del tribunale di Foggia, ha condannato una maestra a sei mesi di reclusione (pena sospesa) con tre mesi di interdizione dall’attività di docente, per i reati di abuso dei mezzi di correzione e percosse. Sono state invece assolte altre due donne. Per una quarta maestra è atteso il giudizio di appello.

Nell’aprile del 2017: le insegnanti furono sottoposte agli arresti domiciliari dai carabinieri in esecuzione di una ordinanza di custodia cautelare. L’inchiesta partì dopo la denuncia presentata dal padre di un alunno. Gli investigatori ascoltarono insegnanti e genitori, visionando anche immagini registrate nelle aule dove avvenivano le lezioni e dove secondo l’accusa sarebbero avvenute le violenze fisiche e psicologiche.

«L’esito della lunga e complessa attività dibattimentale, ha confermato ciò che risultava lampante a chiunque conoscesse la maestra: i fatti, semplicemente, non sussistono –
commenta l’avvocato -. Non vi è stato da parte sua alcun maltrattamento, alcun abuso. I suoi studenti hanno sofferto la sua assenza, non la sua presenza. L’indagine trae spunto da una specifica segnalazione nei confronti di una specifica insegnante e si propaga senza alcun senso ad altre classi e altre insegnanti”.

«L’errore di fondo dell’intera impostazione accusatoria è stato quello di consentire a degli agenti di polizia giudiziaria senza alcuna esperienza di valutare, con ottiche distopiche, i comportamenti di maestre con vastissima esperienza”,
conclude.

News dal Network

Promo