Confagricoltura Puglia: sicurezza nelle campagne della regione, chiesto al prefetto un incontro urgente

32 Visite

 Confagricoltura Puglia solleva l’attenzione sulla crescente insicurezza che sta colpendo l’agricoltura nella regione, con particolare attenzione ad alcune zone dove la criminalità si manifesta in modo violento e feroce. La situazione ha raggiunto livelli preoccupanti, e per affrontare questo problema, l’organizzazione ha richiesto attraverso il Prefetto di Bari un incontro del comitato regionale sulla sicurezza al fine di discutere strategie e azioni concrete per garantire la sicurezza degli agricoltori e delle imprese del territorio.

Le continue scorribande criminali nell’agro pugliese stanno mettendo a repentaglio la sostenibilità delle imprese agricole, con agricoltori che subiscono minacce, furti di costosi macchinari agricoli e persino danni alle colture. La criminalità non conosce limiti, estendendosi fino a trebbiare campi di notte, creando un grave danno economico alle aziende locali. La sicurezza non è solo una questione di ordine pubblico, ma è strettamente legata all’aspetto economico dell’agricoltura pugliese.

Confagricoltura Puglia si impegna a collaborare attivamente con le autorità competenti per contrastare questo fenomeno, mettendo a disposizione la propria conoscenza del territorio. «La questione sicurezza va risolta sotto tutti i punti di vista, va affrontata anche la questione economica. Siamo vicini alle nostre imprese e alla comunità – sottolinea Luca Lazzàro, presidente di Confagricoltura Puglia. Inoltre, siamo pronti a dare il nostro contributo partecipando attivamente ai tavoli di contrasto del fenomeno.»

«L’agricoltura pugliese – aggiunge – è un pilastro fondamentale per l’economia locale, ma l’insicurezza attuale sta limitando gli investimenti e compromettendo la crescita del settore. Gli agricoltori devono pensarci due volte prima di investire, a causa di una situazione che ha superato il livello di guardia. Come Confagricoltura Puglia sollecitiamo un’azione investigativa e repressiva immediata da parte delle forze dell’ordine per ripristinare la sicurezza e garantire un ambiente favorevole agli investimenti nel settore agricolo».

News dal Network

Promo