Sindaci di cinque Comuni del foggiano: “disagi per assenza e carenze sportelli bancari e bancomat”

34 Visite

C’è un problema di assenza e di carenze di sportelli bancari e postali e di bancomat nei comuni dei Cinque Reali Siti della provincia di Foggia. Lo hanno illustrato i sindaci di Ordona, Carapelle, Stornara e Stornarella e il commissario prefettizio di Orta Nova nel corso di una riunione, che loro stessi avevano chiesto, al prefetto del capoluogo dauno Maurizio Valiante. Una situazione che crea difficoltà e gravi disagi alle comunità. Alla presenza del questore, dei comandanti provinciali di carabinieri e guardia di finanza, i primi cittadini hanno parlato anche di sicurezza. «Ad Ordona, la Bper ha chiuso definitivamente a maggio 2022 e ha lasciato funzionante solo lo sportello Atm – spiegano – poi a sua volta disattivato a novembre dello stesso anno a seguito di un’esplosione. Nella città degli scavi manca anche il postamat, distrutto a seguito di un tentativo di rapina nel marzo 2023. In quella occasione anche l’ufficio postale è stato reso inagibile e oggi è collocato in un container. I cittadini – continuano i rappresentanti delle cinque comunità – hanno solo la possibilità di prelevare allo sportello dell’ufficio postale, negli orari di apertura e con i limiti dettati dalla sicurezza».

«A Carapelle, la Bpm ha chiuso da qualche mese sia lo sportello bancario che l’Atm. Questa chiusura improvvisa causa file interminabili davanti all’Atm postale. A Stornara l’ufficio postale, che non era più funzionante a seguito di un’esplosione avvenuta ad aprile del 2023 e ormai prossima alla riapertura, è stato di nuovo oggetto di un assalto nei primi giorni di gennaio che lo ha reso inagibile. Resta solo l’Atm della Banca Intesa SanPaolo che non sempre garantisce liquidità. A Stornarella, sempre a seguito di una violenta esplosione nel mese di dicembre dello scorso anno, manca il postamat e l’ufficio postale è collocato in un camper. L’Atm bancario è spesso sprovvisto di liquidità e i cittadini sono spesso costretti ad arrivare a Cerignola per prelevare».

Alla riunione erano presenti anche rappresentanti di Bper, Intesa San Paolo e Poste Italiane. «A nome di tutti i sindaci dei Cinque Reali Siti, ringrazio il prefetto per la sollecita attenzione- ha detto Adalgisa La Torre, sindaca di Ordona – ma anche le forze di polizia per l’incessante azione di controllo del territorio sull’area dei Cinque Reali Siti. Registriamo con favore che le misure di sicurezza e prevenzione tecnologicamente all’avanguardia siano state già messe in atto da Poste e istituti bancari rispetto agli sportelli Atm, tanto è vero che nessuno degli assalti compiuti è andato a buon fine, e che è fattivo l’impegno a voler garantire sul territorio servizi più efficienti e funzionali attraverso interventi già in corso di esecuzione che termineranno entro breve termine».

News dal Network

Promo