Consiglio regionale, Ventola: “In Puglia Pd e 5Stelle mantengono il vitalizio per i politici che hanno rubato. Complimenti!”

42 Visite

La dichiarazione del capogruppo di Fratelli d’Italia, Francesco Ventola:

«Dove è finita la presunta superiorità morale del Pd? E il giustizialismo dei Movimento 5 Stelle che dovevano aprire il Parlamento come una scatoletta per tagliare ogni privilegio ai politici onesti… figuriamoci a quelli che avevano rubato!? In Regione Puglia non c’è più traccia nella notte della seduta del Bilancio, convinti da un ottimo giurista e da un magistrato in aspettativa, pure la tanta osannata ‘onestà-onestà-onestà’ ha preso altre vie. Quelle del potere!

Quella che il Consiglio regionale ha scritto nella notte scorsa è una delle pagine più buie. Lo dico con grande amarezza e sconforto dopo che è stato bocciato un articolo del Disegno di Legge del Bilancio 2024 che prevedeva ‘l’esclusione dell’erogazione del vitalizio per i Consiglieri regionali condannati in via definitiva per delitti contro la pubblica amministrazione anche in caso di pena condonata per effetto dell’indulto’. L’amarezza è ancora più grande perché l’emendamento era stato approvato in Commissione Bilancio anche da quei colleghi e partiti della maggioranza che in aula hanno votato contro.

E hanno votato contro all’eliminazione di un privilegio che oggi non c’è più: il vitalizio è stato abolito nel 2012, proprio perché un privilegio e non un diritto del ‘consigliere lavoratore’, e quindi la stragrande maggioranza dei miei colleghi di oggi non lo prenderà, giustamente. Ma continueranno a prenderlo tutti quegli ex consiglieri regionali che sono stati arrestati, indagati, imputati, condannati in maniera definitiva (anche se la pena poi è stata condonata per indulto) per aver compiuto reati contro la Pubblica Amministrazione. Vale a dire che avevano rubato e tradito un mandato elettorale nella maniera più bieca e vergognosa.

Invece, dai banchi della maggioranza rosso-gialla è arrivata una lezione non di garantismo, ma di buonismo all’ennesima potenza che nasconde ben altro! Un fine giurista con la complicità di un ‘grande’ magistrato ci hanno spiegato che il politico che ruba soldi pubblici, i soldi dei pugliesi, è giusto che una volta ‘rieducato’ mantenga il diritto al privilegi. Che dire, complimenti a tutti coloro che ci puntavano il dito contro non i condannati, ma addirittura gli indagati: a cominciare dal Movimento 5 Stelle, dove c’è chi ha persino votato a favore dei politici ladri e corrotti, per finire al presidente ‘magistrato’ Michele Emiliano».

News dal Network

Promo