Lavorare a maglia è di moda, la testimonianza di una pugliese: capi in lana fatti a mano sono i più richiesti per Natale

44 Visite

Lo hanno dimostrato le passerelle dell’alta moda internazionale: gli abiti in lana lavorati a maglia sono il trend delle collezioni donna autunno inverno 2023-2024. Li abbiamo visti nelle ultime sfilate di Bottega Veneta, Miu Miu, Etro, Michael Kors, Stella McCartney, Marni, per citare alcune delle maison che propongono capi di maglieria sperimentando crochet a trama larga. Ma, se oggi il lavoro a maglia approda anche sotto i riflettori delle Fashion Week mondiali, facendosi strada nell’houte couture, è nell’artigianato che va ricercata la sua essenza.

Da una giovane designer e artigiana, infatti, come Rosaria Coscia, fondatrice del suo brand Il Tocco di Minerva, apprendiamo quanto oggi capi realizzati a mano e su misura sono i più desiderati, specialmente in questo periodo dell’anno. <<Principalmente realizzo accessori a maglia e, su richiesta, anche capi d’abbigliamento, cercando di accontentare le esigenze di tutti (uomo/donna /bambino/neonato) e creando linee personalizzate in base alle richieste del cliente>>, spiega a riguardo.

Rosaria è figlia d’arte, sua madre è una magliaia e le ha insegnato i segreti del mestiere sin da quando era bambina. Quindi per la giovane artigiana è iniziato tutto per gioco ed oggi è costantemente seguita da sua madre che la guida nel perfezionare ogni prodotto. <<C’è sempre tanto da imparare, bisogna amare quello che si fa per renderlo bello agli occhi degli altri finale>>, afferma Rosaria. E di amore nella realizzazione delle sue collezioni lei ce ne mette tanto.

Fiera del suo lavoro, la designer pugliese, spiega quali sono i vantaggi che offrono i capi lavorati a maglia. A partire dalla personalizzazione di abiti e accessori che vengono realizzati su misura rispondendo dall’a alla z alle esigenze del cliente. <<Capita spesso che mi portino in laboratorio abiti industriali per chiedermi di modificarli poiché non calzano perfettamente>>. Questo non accadrebbe mai con un capo realizzato a mano.

Quello di Rosaria è, infatti, un mestiere artigianale che si svolge secondo regole ben precise con l’intento di rendere totalmente soddisfatto chi indosserà quel determinato indumento o accessorio. <<Viene realizzato un campione del tipo di lavoro da avviare e, in base alla taglia e misure, il capo si sviluppa con calcoli matematici>>, spiega Rosaria, << Durante la realizzazione, però, potrei anche incorrere nel doverlo sfilare tutto per rifarlo e renderlo perfetto come da richiesta del cliente.  In alcuni casi, lo mettiamo in prova prima della consegna>>.

 E quali sono le ultime tendenze della moda donna lavorate a maglia? Ce lo svela Rosaria Coscia che tra i capi più richiesti e realizzati nell’ultimo periodo cita cappelli in pura lana grossa, maglie con scollo a v da indossare su tutoni monocolore, in pura lana vergine e mohair, borse in lana merino con profili in pelliccia. Ma il vero protagonista della stagione fredda è il poncho fatto a mano. Lavorata all’uncinetto, la mantella in lana la si può indossare su camicie, giacche, tailleur. Un passepartout da tenere sempre in armadio. La sua unicità è data da una particolare lavorazione di mattonelle realizzata all’uncinetto multicolore e vivace.
 

A quanto pare lavorare ai ferri non è mai passato di moda!

News dal Network

Promo