Nuova legge regionale su ristrutturazione edilizia. Il presidente Ance Puglia: “Soddisfazione per disciplina che accoglie nostre istanze”

40 Visite

«ANCE Puglia esprime soddisfazione per il percorso intrapreso dalla Regione sulla nuova legge per gli interventi di ristrutturazione edilizia, alla quale la nostra associazione ha contribuito attivamente. Sta prendendo forma un sistema normativo strutturato che va incontro ad alcune nostre richieste: il recupero del patrimonio edilizio esistente, la riqualificazione energetica di edifici ormai vetusti e la riduzione del consumo di suolo, il tutto con un approccio più ecologico alla costruzione e alla pianificazione urbanistica». A dichiararlo il presidente di ANCE Puglia, Gerardo Biancofiore a seguito dell’approvazione da parte del Consiglio Regionale del DDL che supera il Piano Casa.

«Inoltre – aggiunge Biancofiore – riteniamo importante l’aver restituito ai Comuni i poteri di pianificazione del territorio, seppure in una forma semplificata. Auspichiamo che la Regione continui l’iter verso una legge urbanistica organica che conduca a quella stabilità e certezza normativa che chiediamo da tempo».

 Sul fronte del superbonus condomini al 110%, invece, ANCE Puglia ha recapitato a tutti i parlamentari pugliesi una lettera per ricordare che la misura “è in scadenza il prossimo 31 dicembre ed è sempre più forte il rischio che migliaia di cantieri possano rimanere bloccati per sempre, lasciando nelle nostre città impalcature e scheletri urbani. In vista dell’imminente discussione sulla legge di Bilancio, è assolutamente necessaria una mini-proroga della misura”. Nella missiva, il presidente Biancofiore evidenzia che, così facendo, “si permetterebbe la conclusione dei lavori, si eviterebbe l’insorgere di un enorme contenzioso tra condomini e imprese, e si scongiurerebbe la corsa forsennata per finire i lavori, un rischio sia per la sicurezza dei lavoratori coinvolti sia per la qualità degli interventi eseguiti”. Biancofiore, infine, ricorda che “il ddl Bilancio rappresenta l’ultima occasione per evitare questo scenario infausto” dicendosi certo “che si saprà fornire una soluzione di buon senso”.

 

Stando ai dati ENEA al 31 ottobre 2023, a livello nazionale sono complessivamente 438.137 le asseverazioni presentate, con un totale di investimenti ammessi a detrazione che sfiora i 92,5 miliardi di euro, mentre è di oltre 76,5 miliardi l’importo dei lavori già realizzati. Concentrando il focus sui dati pugliesi nello stesso limite temporale, sono 25.172 le asseverazioni (pari a poco meno del 6% sul totale nazionale) per 4,782 miliardi di euro di investimenti ammessi a detrazione, dei quali 4,019 per lavori realizzati. Dunque, ammonta a 763 milioni di euro il valore dei lavori autorizzati in Puglia ma non ancora realizzati. «È in questi lavori – conclude Biancofiore – che troviamo molti di quelli che rischiano lo stop definitivo con conseguenze, anche pesanti, per migliaia tra cittadini, famiglie e imprese del nostro territorio».

 

Il Superbonus in questi oltre tre anni ha dimostrato di essere un formidabile driver di sviluppo sia per il settore delle costruzioni che per l’intera economia. Secondo l’Istat, infatti, la crescita complessiva del prodotto interno lordo nel biennio 2021-2022 è stata superiore al 10% grazie anche all’importante contributo degli investimenti in costruzioni, trainati proprio dai bonus edilizi. In particolare, l’ANCE nazionale stima che circa un terzo della crescita del Pil nei periodi considerati è attribuibile all’edilizia e che il 47% della spesa dello Stato nei bonus rientri grazie alle entrate generate dal cantiere. La misura di incentivazione fiscale, grazie anche alla possibilità di cedere il credito tramite le operazioni di sconto in fattura, ha dato il via a un rilevante processo di efficientamento del patrimonio immobiliare italiano, vetusto ed energivoro.

News dal Network

Promo