Licenziato il dipendente che ci prova con le colleghe

52 Visite

La Cassazione conferma il provvedimento disciplinare espulsivo nei confronti del dipendente che turba e provoca disagio alle colleghe con inopportuni approcci e inviti

La vicenda in esame prende avvio dai fatti accertati dal Giudice di prime cure confermati dalla Corte di Appello ed infine giunti all’esame della Cassazione, riguardanti il comportamento inadempiente di un dipendente che era stato posto in essere in violazione delle disposizioni aziendali e denotava “mancanza di rispetto  nei confronti delle lavoratrici vittime delle sue attenzioni ripetute e sgradite, nonché un profondo disinteresse per il turbamento e disagio provocato a queste ultime dai continui e inopportuni approcci”.

In ragione di tale condotta, l’azienda aveva provveduto al licenziamento del dipendente.

La Corte d’Appello, dopo aver esaminato le deposizioni testimoniali, ritenendo che le stesse avessero rappresentato il disagio, il fastidio e la paura delle due dipendenti in ragione delle reiterate e sgradite condotte dell’appellante, aveva ritenuto, nella valutazione complessiva di tutte le circostanze oggettive e soggettive della vicenda, il provvedimento disciplinare espulsivo proporzionato ai fatti contestati.

Invero, spiega la Corte d’Appello, nonostante le iniziative precedentemente adottate dall’azienda per assicurare la sicurezza e la tranquillità delle lavoratrici, il dipendente aveva “continuato intenzionalmente, disattendendo la diffida ricevuta, a porre in essere le condotte denunciate dalle dipendenti”; tale atteggiamento, anche alla luce della contestata recidiva, aveva irrimediabilmente minato il rapporto fiduciario tra il dipendente ed il datore di lavoro e aveva legittimamente condotto al licenziamento del primo.

Avverso la sentenza emessa dal Giudice di secondo grado, il dipendente proponeva ricorso dinanzi alla Corte di Cassazione, contestando, in particolare, la violazione delle norme poste a presidio del procedimento di licenziamento.

La Suprema Corte, con ordinanza n. 31790/2023 , dopo aver ritenuto non fondati i motivi d’impugnazione aventi ad oggetto la contestazione della legittimità del procedimento disciplinare adottato dal datore di lavoro, ha affermato che la sentenza impugnata aveva correttamente valutato i fatti addebitati al ricorrente.

Invero, spiega la Corte “nella motivazione della sentenza gravata è stata dettagliata la sequenza procedimentale, conforme a legge, che ha portato alla contestazione disciplinare e all’adozione della sanzione espulsiva per condotte inappropriate e generatrici di turbamento e paura ai danni di colleghe, sequenza iniziata con un’articolata diffida e, successivamente sviluppatasi, alla luce di constata assenza di adempimento alla diffida, in contestazione formale, nella quale sono stati richiamati gli addebiti oggetto di diffida, oltre quelli successivi che ne evidenziano l’inadempimento, perdurando la situazione di indesiderato approccio nei confronti delle colleghe; nella contestazione è stata legittimamente ricompresa anche la recidiva per precedente sanzione disciplinare per fatti di diversa natura”.

Il Giudice di legittimità, dopo aver approfondito e ritenuto non fondati tutti i motivi d’impugnazione formulati dal ricorrente, ha respinto il ricorso proposto, condannando il dipendente licenziato alla rifusione delle spese legali.

Anche questa è violenza , anche questa condotta deve essere severamente censurata. Rispetto signori, rispetto!

Franco Marella

(articolo e foto redatti con il contributo di studiocataldi.it)

News dal Network

Promo