Presidente Consiglio Puglia, ‘sui femminicidi serve fare di più’

50 Visite

«Sono 84 le donne morte ammazzate in Italia dall’inizio dell’anno: una strage. Dobbiamo fare di più e meglio».

Lo ha detto la presidente del Consiglio regionale pugliese, Loredana Capone durante la Conferenza dei presidenti delle Assemblee legislative. “Con la presidente del Consiglio regionale dell’Emilia Romagna, Emma Petitti, che coordina il Comitato per le pari opportunità, e tutti i colleghi presidenti – ha sottolineato – abbiamo condiviso la necessità di fare di più e meglio. D’altra parte proprio stamattina il Consiglio d’Europa, dopo aver analizzato i dati sul fenomeno forniti da Roma, ha denunciato “l’inefficacia e la tardività” della risposta delle autorità italiane alle denunce di violenza domestica subite dalle donne”. “Di questo il nostro Paese – ha proseguito Capone – dovrà rispondere ufficialmente con un documento entro il 30 marzo del prossimo anno. È evidente che il percorso del rispetto e del dialogo tra uomo e donna è ancora tutto da costruire. La violenza sulle donne è la conseguenza di un sistema culturale per molti versi ancora profondamente arretrato, di cose non dette e stereotipi che ci portiamo dietro dalla nascita”.

Quindi, per Capone, «è fondamentale, come Istituzioni e come singoli, partecipare ogni giorno alla costruzione collettiva del rispetto delle donne e delle loro scelte”. Ma “serve anche un grande piano di azioni positive contro la violenza – ha concluso – che riguardi le donne e gli uomini, che aiuti le nostre comunità a liberarsi degli stereotipi di genere, col rispetto della pari dignità in tutto, nella vita».

Promo