La presidente del Consiglio regionale Capone ricorda le vittime dell’alluvione in Romagna

81 Visite

Un minuto di silenzio per le vittime dell’Emilia Romagna. Così la presidente del Consiglio regionale della Puglia, Loredana Capone, ha voluto aprire la seduta odierna.

«Il pensiero di questo Consiglio regionale – ha detto – a tutte le vittime dell’alluvione dell’Emilia Romagna, ai loro cari, ai cittadini sfollati. La Puglia è con voi».

Poi il ricordo della strage di Capaci in cui persero la vita Giovanni Falcone, Francesca Morvillo e gli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro.

«Oggi ricorre il 31esimo anniversario della strage di Capaci – ha aggiunto la Presidente. Ieri mattina, come spesso accade e per questo ringrazio l’infaticabile lavoro degli uffici, il nostro Consiglio regionale era pieno di bambini e di ragazzi. Con i garanti, dei minori e delle persone private della libertà, abbiamo presentato la “biblioteca itinerante del libro accessibile”, con volumi in braille e in Lis, perché il diritto alla lettura sia garantito a prescindere dalle proprie abilità, insieme a un ricco programma di appuntamenti che porterà i libri anche all’interno delle carceri pugliesi. E poi le ragazze e i ragazzi che partecipano al nostro progetto “Giovani in Consiglio”, si parlava di Europa e dell’importanza di sapere e saper fare in un contesto che per forza di cose è ormai globale. Sono profondamente convinta che le due cose si tengono e Giovanni Falcone, con il suo esempio e i suoi grandi insegnamenti, c’è l’ha detto chiaro e tondo. Per Falcone giustizia faceva rima con diritti, educazione, cultura, politiche sociali, lavoro. E noi da qui dobbiamo ripartire. Abbiamo bisogno di una memoria viva che si traduca tutti i giorni in responsabilità e impegno. Abbiamo bisogno che quella memoria del passato si faccia etica per il presente. Perché questo avvenga dobbiamo parlare di più con i nostri bambini, con le nostre ragazze e i nostri ragazzi».

«Oggi nelle scuole pugliesi – ha concluso – un esercito di donne e uomini appassionati sta provando a raccontare loro che è l’amore il filo che tiene tutto. Quello che teneva Falcone stretto alla sua missione nonostante sapesse che così avrebbe messo a rischio la propria vita, e quello che deve tenere tutte e tutti noi uniti nella consapevolezza che l’unico modo per combattere le ingiustizie è costruire una società con molto meno Io e molto più Noi. Una società in cui insieme scegliamo ogni giorno di essere più umani, più giusti, più responsabili, più coraggiosi».

News dal Network

Promo