Carcere di Foggia: agente aggredito finisce in ospedale

20 Visite

Un agente di polizia penitenziaria sarebbe stato aggredito nel pomeriggio di ieri nel reparto tre del carcere di Foggia. Due detenuti, delle province di Brindisi e Bari, lo avrebbero più volte colpito alla testa con dei pugni facendolo finire in ospedale. A denunciare l’accaduto è l’Osapp, il sindacato di polizia penitenziaria attraverso il suo segretario aggiunto, Pasquale Montesano.

L’aggressione «è il segno tangibile di come le carceri italiane continuino a rappresentare una emergenza sociale e di quanto minino la sicurezza e la libertà delle istituzioni democratiche», sostiene sottolinenando che «la carenza degli organici, la fatiscenza delle strutture, l’assenza di adeguati corsi di aggiornamento e formazione, la carenza del vestiario e la mancata copertura dei ruoli di comando e direzione dell’istituto foggiano, crescono in maniera esponenziale mentre aumentano eventi critici».

«Chiediamo – conclude Montesano – nell’immediato concreti e urgenti correttivi prima che ingenerino eventi e violenze di cui quel carcere è stato teatro nel recente passato».

Promo