Foggia: estorsione al bar, arrestati due giovani fratelli

34 Visite

Avrebbero costretto i titolari di un bar a servire loro gratuitamente cibo e bevande sotto la minaccia di ritorsioni, al punto che le vittime, per paura, chiusero temporaneamente il locale.

È successo a Foggia, dove i carabinieri del nucleo investigativo hanno arrestato, con l’accusa di estorsione aggravata dal metodo mafioso, due fratelli di 24 e 20 anni, entrambi figli di un noto pregiudicato del luogo.

Il provvedimento è stato emesso dal gip del tribunale di Bari, su richiesta della Direzione distrettuale antimafia. La vicenda risale allo scorso gennaio. «Qua comandiamo noi» , la frase che i due indagati avrebbero rivolto alle vittime per affermare la loro forza criminale. Per il timore di ritorsioni, i titolari del bar chiusero per un periodo l’attività commerciale, pensando anche di trasferirsi altrove.

Promo