Bellomo: innalzare il tetto dei pagamenti in contanti è una misura di equità sociale

25 Visite

«Innalzare il tetto dei pagamenti in contanti è una misura di equità sociale. I signori della sinistra, distinti e distanti dai ceti a basso reddito, ignorano evidentemente che sono milioni gli italiani, specie al Sud, che non si possono permettere un conto corrente bancario e una carta di credito.

Capisco che una certa politica radical chic sia lontana anni luce da questa realtà, ma almeno si eviti di sostenere la tesi fasulla di un’equazione diretta tra più denaro circolante ed evasione fiscale che è ampiamente smentita dai dati europei. Pensare poi che il malaffare, che va duramente contrastato ma è abituato a gestire cifre più consistenti di quelle previste da un simile provvedimento, trarrebbe vantaggio da questa decisione significa non avere alcuna percezione della dimensione di certi fenomeni criminali. L’unico interesse di questo governo e di questa maggioranza è quello dei milioni di cittadini che hanno scelto la Lega e il centrodestra».

Lo dichiara Davide Bellomo, deputato della Lega e consigliere regionale.

Promo