Regione Puglia al lavoro per strategia Blu Economy

39 Visite

Un piano di lavoro per elaborare un documento strategico e rispondete «alla grande sfida dell’economia del mare». È l’obiettivo della giunta regionale pugliese che intende definire la sua prima “strategia blu” che nei prossimi dieci anni metterà assieme strumenti e azioni senza dimenticare le diverse politiche di Blue Economy settoriali, territoriali e delle coste, compresa la pianificazione dello spazio marittimo.

A guidare il processo sarà un comitato di indirizzo per lo sviluppo sostenibile della blue economy, che sarà costituito dai direttori dei dipartimenti di sviluppo economico, ambiente, paesaggio e qualità urbana, agricoltura, sviluppo rurale e ambientale, turismo economia della cultura e valorizzazione del territorio, bilancio, affari generali e infrastruttura, mobilità, politiche del lavoro, istruzione e formazione, dall’autorità di gestione, a Aqp, da Anci e dalle agenzie regionali di Arti, Asset, Aret PugliaPromozione, Arpa Puglia.

«La Blue Economy – ha commentato l’assessore allo Sviluppo economico della Regione Puglia, Alessandro Delli Noci comprende tutte le attività umane che utilizzano il mare, le coste e i fondali come risorse per attività industriali e di servizi, quali acquacoltura, pesca, biotecnologie marine, turismo marittimo, costiero e sottomarino, trasporto, porti, energie rinnovabili marine, il tutto in un’ottica di sostenibilità».

«La Puglia custodisce un patrimonio dal valore inestimabile che non solo necessita di attenzione e tutela ma rappresenta anche un’opportunità di sviluppo per il turismo e per l’economia regionale – dichiara l’assessore regionale al Turismo, Gianfranco Lopane La Regione Puglia punta a rafforzare gli investimenti sulla qualità dei servizi negli approdi e nelle destinazioni marittime, ad innalzare gli standard dell’accoglienza e a consolidare le relazioni pubblico-privato che toccano settori in crescita come quelli del turismo nautico e crocieristico».

«Questa strategia ci permetterà finalmente di uniformare gli obiettivi regionali sulle così dette economie del mare al fine di promuovere uno sviluppo consapevole dei territori costieri e conciliare la salvaguardia delle coste e la conservazione degli ecosistemi marini», commenta l’assessora regionale all’Ambiente della Puglia, Anna Grazia Maraschio.

Promo