Uccisero 26enne in discoteca, condannati a 11 e 15 anni di carcere

39 Visite

Sono stati condannati a 15 anni a sei mesi e a 11 anni e 4 mesi i due giovani foggiani, Francesco Stallone e Michele Verderosa, accusati di aver picchiato Donato Monopoli, 26 anni, di Cerignola, in una discoteca alla periferia di Foggia il 6 ottobre del 2018: il giovane morì dopo sette mesi di coma.

La sentenza è stata emessa questa mattina a Foggia al termine del processo che si è celebrato con il rito abbreviato. I due sono accusati di omicidio volontario: il giudice nella sentenza ha riconosciuto le attenuanti generiche. Nella sua requisitoria il pubblico ministero Roberto Galli aveva chiesto una condanna 14 anni e 4 mesi di reclusione per entrambi gli imputati.

Secondo quanto ricostruito, il 6 ottobre del 2018 la vittima era in una discoteca con un amico quando quest’ultimo ebbe un litigio con alcuni foggiani per futili motivi. Monopoli cercò di mettere pace tra i litiganti, ma fu aggredito e picchiato con più colpi al volto. Il giovane fu trasportato all’ospedale dove gli fu riscontrata una emorragia cerebrale.

Il 12 ottobre un leggero miglioramento ma due giorni dopo gli venne diagnosticato un aneurisma e Monopoli entrò in coma. Sette mesi dopo, l’8 maggio del 2019, il giovane morì all’ospedale di San Giovanni Rotondo dove era stato trasferito.

Promo