Se lavori durante l’aspettativa rischi di essere licenziato, lo dice la Cassazione

46 Visite

Licenziamento per giustificato motivo soggettivo, per la Cassazione, la violazione del divieto di svolgere qualsiasi attività lavorativa giustifica il provvedimento 

Legittimo il licenziamento del lavoratore che durante l’aspettativa per motivi familiari svolge attività lavorativa. Così ha deciso la Cassazione (ordinanza n. 19321/2022).

Il lavoratore in aspettativa per gravi motivi familiari ha lavorato presso l’attività del coniuge, e per tale ragione è stato licenziato. Questi si è ovviamente opposto al provvedimento del datore, sostenendo che l’aspettativa concessa non aveva comportato benefici economici o costi per la collettività, e neppure conseguenze per il suo datore di lavoro, in quanto non aveva avuto la necessità di sostituirlo.

Gravità dell’inadempimento giustifica licenziamento.

Al contrario, per la corte, come per i giudici di merito, sussiste il giustificato motivo soggettivo. Infatti, a nulla rileva che abbia prestato la propria opera presso l’impresa del coniuge.

La gravità dell’inadempimento si basa sulla violazione del divieto di svolgere, nel periodo di tempo dell’aspettativa concessa per gravi motivi familiari, qualsiasi attività lavorativa. Il licenziamento per giustificato motivo soggettivo è stato ritenuto proporzionato a tale inadempimento, applicando le relative clausole generali in relazione all’espresso divieto normativo.  (fonte http://www.studiocataldi.it)

Il lavoro nobilita l’uomo e lo fa diventare un …disoccupato.

 

Franco Marella

Promo