Tutto pronto sul Gargano per FestambienteSud. Tanti i nomi importanti in cartellone

52 Visite

FestambienteSud “fa 18” in sei comuni e con un cartellone artistico d’eccezione.

Chiara Civello, Toquinho, Nada, Frida Bollani Magoni, Juri Camisasca, Danilo Rea, Fabrizio Bosso, Mauro Ottolini, John De Leo, Foja, Veronica Raimo ed Elena Stancanelli tra gli ospiti attesi dal 15 luglio al 4 agosto 2022 sul Gargano.

“Pace e Rinnovabili” è il tema del festival nazionale di Legambiente per il Sud Italia.

La XVIII edizione di FestambienteSud, il festival nazionale di Legambiente per il Sud Italia, si svolgerà dal 15 luglio al 4 agosto sul Gargano e ruoterà sul tema “Pace e Rinnovabili” con l’obiettivo di esplorare il nesso tra la pace e la necessità di superare, in campo energetico, l’era delle fonti fossili.

Il festival si svolgerà in sei tappe e toccherà i luoghi simbolo del Parco Nazionale del Gargano: il 15 luglio Rignano Garganico, il 16 luglio San Marco in Lamis, il 17 luglio San Giovanni Rotondo, dal 21 al 24 Monte Sant’Angelo, città UNESCO e sede storica del festival; dal 28 al 30 luglio Mattinata. FestambienteSud si chiuderà con l’appuntamento clou in programma dall’1 al 4 agosto a Vieste e in Foresta Umbra ancora sotto la direzione di Chiara Civello.

Il programma della XVIII edizione di FestambienteSud è stato presentato insieme a Festambiente Puglia – l’ecofestival delle questioni pugliesi e della qualità culturale e ambientale del territorio – questa mattina nella sede di Legambiente Puglia a Bari in presenza del presidente Legambiente Puglia Ruggero Ronzulli, della direttrice Legambiente Puglia Daniela Salzedo, del direttore FestambienteSud Franco Salcuni e dello speaker radiofonico Max Boccassile.

La principale novità di FestambienteSud è che il festival disegnerà, con un progetto speciale sostenuto dalla Fondazione Monti Uniti di Foggia, un itinerario turistico-culturale chiamato “Gargano Sacro, cultura in cammino” perché coinvolge i principali siti culturali e naturalistici della parte sud del Gargano, territorio di abbazie e santuari, necropoli e siti ipogei. Ogni tappa sarà animata da eventi culturali e di spettacolo, visite e itinerari a piedi alla scoperta del Gargano.

«Per noi questa è l’edizione della maturità, in cui si compie pienamente il progetto di un festival di territorio che coinvolge sei comuni e mette insieme le pulsioni locali di una bioregione magnifica e contraddittoria come il Gargano, con i flussi globali di un mondo che cambia. In questo modo cercheremo di tenere assieme gli attrattori del Gargano Sacro con la necessaria transizione ecologica globale, la natura antica della Foresta Umbra con la sublimazione letteraria», ha evidenziato Franco Salcuni direttore culturale di FestambienteSud.

«Sono molto felice di poter dare continuità alla scorsa edizione di Festambiente portando anche per il 2022 una programmazione all’insegna della pluralità di influenze, degli incontri e della multidisciplinarietà. Al centro di questa edizione ci sarà la canzone, in tutte le sue declinazioni, e la sua capacità di trascendere generi e stili volando oltre, nella direzione di quello che i tropicalisti chiamavano suono universale. Ecco sì, dall’1 al 4 agosto Vieste abbraccerà il suono universale!», è stato il messaggio inviato da Chiara Civello direttrice artistica della tappa di Vieste di FestambienteSud, che ha chiamato a raccolta tanti amici e colleghi.

Sono attese a Vieste Nada, cantante molto amata nel nostro Paese e non solo; Emma Nolde, cantautrice dalle mille sfaccettature, una delle voci del futuro della musica italiana; Frida Bollani Magoni, pianista e cantante, figlia del pianista Stefano Bollani e della cantante e attrice Petra Magoni. Ci saranno anche Angus Fairbairn, aka Alabaster DePlume, sassofonista, compositore e “oratore” britannico; la songwriter Lndfk & Ze in the clouds e Populous. A chiudere la tappa di Vieste sarà la serata evento sul rapporto culturale tra Italia e Brasile con concerti di Jacques Morelenbaum, Stefania Tallini, Gabriel Grossi Trio, Chiara Civello, Toquinho & Camilla Faustino. Torna anche l’appuntamento in Foresta Umbra con i matinée caratterizzati dalle sonorizzazioni “naturali” ad opera di alcuni artisti contemporanei, come Francesca Heart, e dagli incontri con le scrittrici Veronica Raimo, che con “Niente di vero” è tra i dodici candidati per il Premio Strega 2022; Francesca Genti, poetessa e co-fondatrice di Sartoria Utopia ed Elena Stancanelli, con il suo ultimo romanzo “Il tuffatore”, finalista al Premio Campiello.

Pronto il cartellone anche per le tappe precedenti: Carmen Souza & Theo Pascal saranno in concerto a Rignano Garganico il 15 luglio, Mauro Ottolini in Nada Mas Fuerte a San Marco in Lamis il 16 luglio e Fabrizio Bosso 4TH il 17 luglio a San Giovanni Rotondo.

Il maestro Adriano Falcioni terrà un concerto d’organo nella sacra grotta della Basilica UNESCO di San Michele Arcangelo a Monte Sant’Angelo, dove il festival farà tappa dal 21 al 24 luglio. La sede storica del Festival vedrà anche la presenza di Danilo ReaJohn De Leo, i Foja, la presentazione del primo lavoro discografico di Rafaella CarbonelliVince Abbagnante e Chiara Santodirocco in un omaggio musicale al maestro Ennio Morricone e un concerto omaggio a Creusa De Ma di Fabrizio De Andrè ad opera del trio inedito Matteo Fioretti, Alessandra Facchiano e Andrea Stuppiello. Nello scenario dell’abbazia di Pulsano sarà protagonista il teatro con Fiori del deserto di Kuziba Teatro.
La tappa itinerante di Mattinata, dal 28 al 30 luglio, riporterà il festival su Monte Saraceno con “Sacred Mount in Adunanza Mistica” con Juri Camisasca – Giovannangelo De Gennaro & Ensamble Calixtinus

Promo