Per il suo 160°, Poste dedica un Buono Fruttifero a chi ha meno di 18 anni

64 Visite

Poste
Italiane continua a celebrare i suoi 160 anni di storia e lo fa dedicando
un’iniziativa alle generazioni future. Negli uffici postali è infatti disponibile il Buono dedicato a chi ha meno di 18 anni: una
soluzione per avvicinare i più piccoli al mondo del risparmio. Può essere
sottoscritto in forma cartacea da un genitore, un nonno, un amico o comunque da
un maggiorenne oppure in forma dematerializzata direttamente on line sul sito
poste.it o tramite l’APP BancoPosta, dal genitore o dal tutore previa apertura
del Libretto dedicato ai minori a cui i Buoni saranno collegati. 

Il Buono
può essere intestato esclusivamente al minore e cresce insieme a lui perché gli
interessi maturano fino al compimento del 18° anno di età, con un tasso di
interesse annuo lordo che può arrivare fino al 2,50%. Il Piano di risparmio Piccoli e Buoni prevede la
sottoscrizione in modo automatico e periodico di Buoni dedicati ai minori,
l’importo minimo delle rate periodiche può essere di 50 euro e multipli.  Per poterlo sottoscrivere, il minore deve
essere intestatario di un Libretto di risparmio dedicato ai minori e il
maggiorenne che lo sottoscrive deve essere titolare di un Libretto di risparmio
postale o di un conto corrente BancoPosta sul quale addebitare l’importo.

I
Buoni saranno emessi fino al compimento dei 16 anni e mezzo del minore; quando
festeggerà i suoi 18 anni, il valore dei Buoni sottoscritti e gli interessi
maturati saranno accreditati sul Libretto di risparmio di cui è intestatario il
minore.
I Buoni dedicati a minori sono prodotti
garantiti dallo Stato italiano ed esenti da costi, salvo gli oneri fiscali;
sono esenti da imposta di successione e godono di una
tassazione agevolata del 12,50% sugli interessi.

Promo