Foggia, minorenni segregate e costrette a prostituirsi: arrestate 4 persone

54 Visite

La Corte di Assise di Appello di Bari ha confermato quattro condanne, riducendo lievemente le pene inflitte, nei confronti di altrettanti imputati accusati di riduzione in schiavitù, prostituzione minorile e sequestro di persona ai danni di tre 16enni di nazionalità rumena.

I fatti contestati risalgono al periodo tra marzo e settembre 2018 e sarebbero avvenuti in un campo rom alla periferia di Foggia. In primo grado i quattro imputati, due uomini e due donne connazionali delle vittime, erano stati condannati dalla Corte di Assise di Foggia a pene comprese tra i 16 e i 9 anni di reclusione. I giudici dell’appello hanno ridotto le condanne a pene comprese tra i 13 anni e 6 mesi e gli 8 anni e 6 mesi di reclusione.

Tra i reati contestati ci sono anche le lesioni personali aggravate nei confronti di una delle ragazze, picchiata con calci e pugni, mentre era incinta al settimo mese di gravidanza, e che alcuni giorni dopo l’aggressione perse il bambino. Fu allora che la giovane vittima, dopo essere fuggita nel cuore della notte, decise di denunciare, raccontando che era stata costretta a prostituirsi nonostante la gravidanza e che le era stata prospettata anche la possibilità di vendere il suo bambino per la somma di 28 mila euro.

Le ragazze – stando alle indagini della Polizia, coordinate dalla ex pm della Dda di Bari Simona Filoni (attualmente procuratrice minorile a Lecce) – vivevano in baracche chiuse dall’esterno con catene e lucchetti, costrette a prostituirsi per otto ore al giorno in cambio di un pacchetto di sigarette, private di telefoni e documenti e picchiate. Nel processo si e’ costituita parte civile l’associazione Gens Nova rappresentata dall’avvocato Antonio La Scala.

Promo