Aree mercatili a rischio incendio. Il “problema Trani” è risolto, ma situazioni analoghe si registrano a Triggiano, Toritto e Foggia

59 Visite

E’ servito, come sempre, l’intervento dell’Associazione di Rappresentanza CasAmbulanti per la bonifica dell’area mercatale nel comune di Trani.

Una bonifica che è avvenuta e che ha fatto registrare proprio il messaggio di riconoscenza da parte del leader sindacale pugliese il quale, ora, si sofferma su altre situazioni dello stesso genere dichiarando: «dopo aver ottenuto l’intervento da parte del comune di Trani che solo dopo la nostra denuncia pubblica ha rimediato ad una situazione pericolosissima nell’area destinata a mercato settimanale, noto con estremo disappunto che in altri comuni la situazione si presenta identica a quella dello scorso anno e di questo pare non importare granché a quelle istituzioni ormai deboli ed incapaci di essere punto di riferimento affidabile per cittadini e commercianti. Nei casi sottoposti alla nostra attenzione in queste ultime ore ci sono quelli del comune di Triggiano, di Toritto ed addirittura dell’area mercatale del venerdì a Foggia nonostante la gestione commissariale del comune dopo lo scioglimento del consiglio comunale. Le immagini allegate, trasmesse al nostro centro di emergenza di Andria e realizzate dai nostri referenti di mercati parlano chiaro e sono inequivocabili. Grandi quantità di erba secca a diretto contatto con i veicoli, con le attrezzature e con le merci degli ambulanti concessionari di posteggio. Avventori e consumatori costretti a percorrere viali infestati da quelle erbacce che attirano e nascondono anche rifiuti e animali sgradevoli. Un mix micidiale che ci costringe a trasmettere anche questo dossier alle competenti Prefetture di Bari e di Foggia affinché venga sollecitata un’azione immediata ma anche preventiva per il futuro in modo da evitare ciò che purtroppo è già accaduto, anche recentemente, in quelle aree mercatali laddove questa manutenzione è mancata e le istituzioni locali si sono completamente dimenticate di rendere fruibili e degne di frequentazione tali aree adibite a servizio pubblico aperte al pubblico. Anche nelle aree mercatali di Bari, come quella di Via Scipione l’Africano, pare che la situazione non sia per nulla gradevole né rassicurante. Se anche di fronte a queste sollecitazioni si continui a far finta di nulla allora vorrà dire che la fine non è vicina ma è stata ampiamente superata» – ha concluso amaramente Montaruli di CasAmbulanti.

Promo