L’ordine dei medici alla Regione: bisogna sanare subito le carenze del personale del pronto soccorso di Foggia

53 Visite

«Intervenire subito per sanare carenza di personale al Pronto soccorso Foggia»E’ la richiesta che il presidente della Federazione nazionale Ordini dei medici (Fnomceo) e dell’Ordine dei medici della provincia di Bari, Filippo Anelli, rivolge in una lettera al presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, e all’assessore alla Salute, Rocco Palese.

«Una situazione complessa, quella di Foggia – evidenzia la Fnomceo – ed emblematica di tante analoghe emergenze nei pronto soccorso di tutt’Italia; un contesto che provoca disagi ai pazienti e condizioni di lavoro insostenibili per i medici. Che, sempre di più, si ammalano per il burnout, sono vittima di aggressioni. E se vanno: verso luoghi di lavoro più sicuri, verso il privato, o rifugiandosi nel pre-pensionamento».

«Credo che sempre più i medici siano messi nelle condizioni di andar via – afferma Anelli di scappare da situazioni che diventano insostenibili. Noi medici siamo abituati a fare questo lavoro, con passione, con dedizione. Ma quando la situazione giunge al limite perché i medici si devono far carico di tutte le disfunzioni di un sistema, credo che l’unica scelta possibile sia quella dell’abbandono. Questo però non può essere – incalza – perché significa non solo negare i diritti ai cittadini, ma anche spegnere la speranza di un sistema sanitario migliore. E’ successo a Bari, al Policlinico, con i medici della Cardiologia d’urgenza; oggi sta succedendo a Foggia, e domani saranno tante le situazioni che metteranno i medici nelle condizioni di andare via. Nasce da qui il mio appello nei confronti del presidente Emiliano e dell’assessore Palese, perché intervengano con estrema urgenza e con determinazione per risolvere il gravissimo problema della carenza dei professionisti e, soprattutto, per mettere in sicurezza i nostri pronto soccorso».

«Sono sempre più le denunce che ci arrivano qui in Fnomceo – riferisce Anelli Denunce di aggressioni nei confronti dei medici, di vandalismo sulle strutture sanitarie e di violazione di diritti fondamentali dei professionisti. Oggi, questa di Foggia. Vorrei esprimere tutta la solidarietà della Federazione nei confronti dei colleghi e soprattutto della direttrice del Pronto soccorso degli ospedali Riuniti, Paola Caporaletti, che in questo momento vive una situazione molto difficile. Condanniamo fermamente tutti gli atti di violenza, le aggressioni anche verbali, le denunce ingiustificate nei confronti degli operatori di pronto soccorso».

Promo