Energia. Coldiretti Puglia: «Costo produzione pomodoro, +2700 euro a ettaro»

57 Visite

“Con il rincaro dei costi energetici che si trasferisce sui costi di produzione, quest’anno produrre un ettaro di pomodoro lungo costa agli agricoltori in media 2.700 euro in più, mentre allo scaffale si paga più la bottiglia che il pomodoro”.

E’ quanto denuncia Coldiretti Puglia, sulla base degli aumenti registrati su ogni singola voce della produzione del pomodoro.

«Il boom delle quotazioni per i prodotti energetici e le materie prime si riflette – sottolinea la Coldiretti regionale – sui costi di produzione del pomodoro che schizzano del 35%, con un +125% per l’ala gocciolante e l’impianto irrigante, +11% per le piantine, +113% per il gasolio, +124% per i concimi, con gli idrosolubili saliti del +70%, gli azotati del 100% e l’urea del +120%».

«Ma anche su quelli di confezionamento – prosegue Coldiretti – dal vetro per le bottiglie fino al legno per i pallet da trasporti e alla carta per le etichette dei prodotti che incidono sulla filiera ai barattoli smaltati per i legumi. Il risultato è che, ad esempio, in una bottiglia di passata di pomodoro da 700 ml in vendita mediamente a 1,3 euro, oltre la metà del valore (53%) è il margine della distribuzione commerciale con le promozioni, il 18% sono i costi di produzione industriali, il 10% è il costo della bottiglia, l’8% è il valore riconosciuto al pomodoro, il 6% ai trasporti, il 3% al tappo e all’etichetta e il 2% per la pubblicità».

La produzione di pomodoro in Puglia, con la provincia di Foggia in testa, interessa 17.170 ettari, con 14.782.950 quintali e rappresenta «oltre il 70% della superficie coltivata a pomodoro in tutto il Sud Italia».

Promo