Manfredonia: il 14 giugno convegno in memoria di Luisa Fantasia

67 Visite

Saranno un convegno e una commemorazione a ricordare il prossimo 14 giugno a Manfredonia, sua città natale, Luisa Fantasia considerata la prima vittima trasversale. Lo ha deciso la commissione di studio e di inchiesta sul fenomeno della criminalità organizzata in Puglia.

La donna nel 1975 viveva a Milano, dove suo marito, un brigadiere dell’Arma, era stato trasferito per seguire il viaggio della droga dalla Calabria a Milano. Fantasia fu uccisa con un coltello da sub dopo essere stata violentata davanti agli occhi della figlia di pochi anni: uno dei due aggressori fu assassinato in carcere, l’altro era minorenne.

La sua storia non era stata mai ricordata. Ora sua figlia diventata adulta, con l’aiuto del fratello, ha deciso di condividere il dolore. La commissione regionale ha ascoltato il racconto «del ragazzo e della docente dell’Università di Foggia a cui la famiglia ha affidato il racconto di Luisa che 47 anni fa non sapeva che sarebbe stata la prima vittima trasversale di mafia», si legge in una nota del Consiglio regionale della Puglia.

Promo