Incidenti sul lavoro, Uil Puglia: «Si tratta spesso di veri e propri omicidi»

53 Visite

«Gli infortuni sul lavoro non sono quasi mai dettati dalla fatalità, ma frutto di inadempienze, della prevalenza del profitto ad ogni costo sulla vita umana. Sono, spesso, veri e propri omicidi».

Lo dice in una nota il segretario generale della Uil Puglia, Franco Busto, in occasione della giornata dedicata alla sicurezza nei luoghi di lavoro, commentando i dati resi noti dall’Inail da cui si evince, dice, «una crescita del 50% degli incidenti sul lavoro».

Una situazione che Busto definisce «una beffa annunciata, che il sindacato purtroppo denuncia, spesso inascoltato, da anni». «Certo – continua – grazie alla nostra pressione abbiamo incassato l’assunzione di nuovi ispettori, ma non basta. Occorrono risorse per mettere i nuovi ispettori nelle condizioni di incidere davvero, è necessario, soprattutto, riscrivere le regole e valorizzare le aziende che rispettano le regole e applicano le leggi sulla sicurezza e i contratti nazionali, penalizzando chi non lo fa, cominciando con l’esclusione di queste ultime dai bandi pubblici».

«In Puglia – sottolinea il sindacalista – qualche passo in avanti si è fatto, grazie a una interlocuzione serrata con la Regione Puglia, che porterà a un incremento dal 5 al 6% dell’attività Spesal, pari a circa 1000 aziende controllate in più». «Ma ci sarebbe altro da fare – continua Busto – monitorare con la massima attenzione l’attività di alternanza scuola-lavoro, efficientare la rete infrastrutturale e dei trasporti pubblici per ridurre gli infortuni in itinere, mettere a sistema una banca dati regionale per comprendere in anticipo le tendenze e intervenire in maniera più tempestiva».

Promo