Sicurezza: FdI, Foggia esclusa da finanziamenti videosorveglianza

80 Visite

«La città di Foggia è stata esclusa dai finanziamenti del Viminale per la videosorveglianza: cosa deve accadere ancora per far capire che i cittadini foggiani vogliono una città più sicura?». Lo chiede il commissario cittadino di FdI Foggia, Mario Giampietro.

«La videosorveglianza – spiega – è essenziale come primo deterrente, ed i cittadini foggiani vogliono la presenza dello Stato. Eppure ieri la ministra degli Interni Luciana Lamorgese, in una conferenza stampa a Campobasso, in occasione della riunione del Comitato per l’Ordine e la Sicurezza si è focalizzata sul fatto che il Molise dev’essere difeso dalle criminalità limitrofi tra cui quella foggiana. A quest’affermazione rispondiamo con una domanda: non sarebbe meglio forse partire con la difesa di Foggia dalla sua criminalità?».

«La ministra, nel mese di gennaio e non secoli fa – evidenzia il commissario FdI – a Foggia fece visita ad un territorio che in quel periodo era stato teatro di numerosi atti criminali, e che aveva chiesto con tutte le forze di una realtà stanca e sofferente di far vedere dei segnali forti. I fatti sono stati, ad oggi, tutt’altro che dalla parte del titolare del Viminale».

«”L’esclusione del nostro capoluogo dai finanziamenti per la videosorveglianza – conclude – è l’ennesima scelta sbagliata, lasciandoci ancora una volta in balia della poca presenza dello Stato. Foggia ha bisogno di più Stato, più sicurezza, più deterrenza»

Promo