San Severo, il 17enne confessa l’omicidio: suo padre fu ucciso in un agguato

131 Visite

Il 17enne fermato dalla Squadra Mobile di Foggia e dal Commissariato di San Severo che ha confessato di essere l’autore dell’omicidio di Salvatore Lombardi, 30 anni, con precedenti penali, ucciso ieri pomeriggio con cinque colpi di pistola esplosi da distanza ravvicinata, è figlio di un uomo ferito in un agguato avvenuto il 1° gennaio 2021 e poi deceduto dopo un mese passato in ospedale.

Il giovane, che è incensurato (mentre il padre, secondo quanto si apprende, aveva precedenti), è stato individuato dai poliziotti grazie alle immagini del sistema di videosorveglianza del bar dove si erano dati appuntamento. Qui hanno consumato un caffè insieme. Poi, quando sono usciti, il giovane ha esploso 7 colpi di pistola (l’arma non è stata ancora trovata) da distanza ravvicinata, cinque dei quali hanno ferito Lombardi al volto e alla testa.

Il giovane è stato raggiunto poco dopo nella sua abitazione dalla Polizia a cui ha riferito che stava per costituirsi. E’ molto probabile, anche se le indagini su questo aspetto proseguono, che il delitto sia da mettere in relazione con l’omicidio del padre del 17enne. Al momento risponde di omicidio volontario e detenzione illegale di arma.

Promo