Cristina, ricercatrice ucraina dell’Università di Foggia: «Garantire il diritto allo studio»

76 Visite

«Noi, come istituzione, dobbiamo dare il nostro contributo per far sì che il diritto allo studio non venga cancellato».

Così Cristina, ricercatrice Ucraina dell’università di Foggia, diventata punto di raccordo con gli 11 studenti ucraini dell’Erasmus arrivati nel capoluogo dauno, nel corso dell’incontro con la ministra dell’Università e della Ricerca Maria Cristina Messa.

«Dall’inizio di questa guerra sto facendo il possibile per dare il mio contributo. La guerra ha provocato e sta provocando risultati devastanti, ha attaccato libertà e democrazia e diritto all’autodeterminazione», ha detto la ricercatrice. «Molte persone sono state costrette a fuggire e sono state accolte in Italia grazie alla disponibilità delle famiglie. Sono fuggiti molti studenti».

Promo