Parte da Foggia il tour del film documentario “One Day One Day”.

145 Visite

Il 16 marzo è stato proiettato per la prima volta a Foggia presso l’Istituto Ite Blaise Pascal il film documentario “One day One Day” che  racconta un anno di vita di alcuni dei 500mila migranti -in gran parte africani-che essendo clandestini vivono nella baraccapoli di Borgo Mezzanone in Puglia precisamente a Foggia   e vengono sfruttati nei campi nella raccolta dei pomodori.

Il film della durata di 78 minuti è diretto  dal giovane regista Olmo Parenti e coprodotto dal collettivo “A Thing by” e dalla community di divulgazione Will Media.

Dopo Foggia  seguiranno altre  proiezioni in tutta Italia per tutto il prossimo mese tra cui già confermate: Roma, Trento, Vicenza, Parma, Napoli, Milano e Pordenone. Le scuole interessate a ospitare la proiezione possono scrivere una mail a: scuole@willmedia.it.

Il film non è incentrato sul caporalato ma sulla vita di questi migranti  che sono una comunità reale  del territorio che non può essere ignorata volgendo il viso dall’altra parte.

Talmente non si è in grado di affrontare la problematica che il film non ha trovato case di produzioni disposte a finanziarlo

È così che il gruppo di A THING BY,  ha auto finanziato il progetto, e provocatoriamente ha introdotto  la categoria ‘vietato ai maggiorenni’ facendo una promessa ai giovani: organizzare insieme a Will Media un tour di proiezioni gratuite nelle scuole secondarie di secondo grado di tutta Italia.

In questo periodo di crisi pandemica e di venti di guerra è importane educare e informare i giovani perché imparino ad affrontare e trovare soluzioni ai problemi   scongiurando il pericolo che diventino adulti che volgano lo sguardo altrove.

Antonella Cirese.

Promo