Mafia: Cerignola, monologo per studenti su donna testimone giustizia

107 Visite

La storia di una donna di Cerignola, amante di un boss mafioso, che lasciò la sua terra e divenne testimone di giustizia, rendendo testimonianze determinanti nel processo che scaturì dall’inchiesta Cartagine che portò a 83 arresti agli inizi degli anni Novanta, è stata rappresentata oggi al teatro di Cerignola. Il monologo dal titolo ‘Sola contro la mafia’ è stato organizzato per gli studenti degli istituti superiori di Cerignola. La testimone di giustizia è stata interpretata da Arianna Gambaccini, per la regia di Vito D’Ingeo.

“Il monologo incarna i valori dell’antimafia sociale e il coraggio è il messaggio che abbiamo voluto trasferire gli studenti”, dice il sindaco di Cerignola, Francesco Bonito.Cerignola ha voluto comunicare a questa donna che siamo ancora la sua terra”, sottolinea l’assessore comunale alla Cultura, Rossella Bruno.

Promo