“Ora sono sante”: suore morte tra Candela e Cerignola, celebrati i funerali

639 Visite

“Questo è un momento di dolore ma anche di profonda fede. Le nostre sorelle ora contemplano il Signore e il grande dono che ci è stato dato nel giorno del battesimo”. Lo ha detto monsignor Domenico D’Ambrosio che oggi pomeriggio ha celebrato nella chiesa di Sant’Antonio a Foggia i funerali di suor Candida Lubello, suor Mara Leone e suor Verene Nyiranduhuye morte domenica pomeriggio in un incidente stradale sull’A16, tra Candela e Cerignola, nel Foggiano. In una chiesa gremita di parenti di suor Mara Leone, originaria di Foggia, e di numerose consorelle della Congregazione delle Salesiane dei Sacri Cuori, l’ordine di cui facevano parte le vittime, il prelato – nella sua omelia – ha ricordato la vita delle tre suore, una vita consacrata all’amore per Dio e per il prossimo. 

Queste nostre sorelle – ha detto monsignor D’Ambrosio – ora sono sante e immacolate al cospetto del Signore. Per loro non c’è più la umana sofferenza ma solo la gioia del dono della luce del Signore“. Le vittime domenica pomeriggio, con altre dieci consorelle, erano a bordo di un pulmino e stavano raggiungendo le sedi pugliesi dove vivevano, dopo aver trascorso il fine settimana in un istituto religioso nel Lazio per gli esercizi spirituali quando il mezzo è sbandato, finendo fuori strada. Due suore si sono miracolosamente salvate altre otto sono rimaste ferite.

A destare ancora preoccupazione sono le condizioni di salute di due suore di 80 e 82 anni ricoverate all’Ospedale Casa Sollievo della Sofferenza di San Giovanni Rotondo.

Promo