A Troia finalmente arrivati dall’Ucraina u 50 rifugiati. Le testimonianze: “Tutto troppo brutto”

106 Visite

Arrivo da Donbass e li’ ci sono solo bombe“. Irina è una rifugiata Ucraina arrivata a Troia la scorsa notte a bordo del bus noleggiato dall’amministrazione comunale. Con lei altri 50 connazionali (2 uomini, 6 bambini e 42 donne) fuggiti dalla guerra: il più piccolo di anni ne ha 2, il più anziano 78. Con loro hanno portato anche un gatto e un coniglio. Hanno viaggiato per 28 lunghe ore, da Medika in Polonia fino al comune foggiano.

E’ tutto troppo brutto“, ha ripetuto Irina ai giornalisti. “La mia famiglia è divisa, si trova in altre regioni dell’Ucraina”. Ad accompagnarli il consigliere comunale Urbano di Pierro: “Siamo stati fermi 12 ore alla frontiera – ha riferito – i rifugiati hanno avuto problemi burocratici, poi c’era anche molto traffico”. Per cinque giorni (il tempo della quarantena) saranno ospitati nell’ex convento San Domenico, poi chi potrà raggiungera’ parenti e amici in Italia.

Di Pierro racconta ancora che gli ucraini “arrivano alla frontiera a bordo di autobus che li lasciano a due chilometri di distanza“, quindi “hanno dovuto fare la strada piedi: donne con passeggini e anziane con le stampelle“.

Sono tutte famiglie divise – prosegue – ho visto bambini che facevano coraggio alle mamme perché queste ultime ormai hanno gli sguardi distrutti; sono molto stanche, vengono da giorni e giorni di guerra”. Urbano Di Pierro racconta anche che “È una fila umana che non finisce mai; abbiamo scoperto che i supermercati sono stati adibiti a dormitori: c’è gente che dorme ovunque, non riuscivo a trattenere le lacrime”.

Promo