Università. Al via a Foggia il primo corso in Italia di analisi delle fonti aperte

120 Visite

Partirà venerdì prossimo all’Università di Foggia il primo insegnamento universitario in Italia di Open source intelligence (Osint), destinato allo studio e alle tecniche di analisi delle fonti aperte ovvero social media, mass media, internet. Lo studio nasce all’interno dei servizi di intelligence ma, con l’avvento dell’era di internet, è diventato uno strumento di analisi prezioso in molti settori, da quello investigativo a quello di marketing.

Per Donatella Curtotti, direttrice del dipartimento di Giurisprudenza “diventa necessario saper raccogliere le informazioni nel modo corretto e, soprattutto, saperle analizzare. L’attività di Osint oggi viene usata in contesti pubblici e privati, per fini di sicurezza e per indagini di mercato. Sono tecniche necessarie per riuscire a neutralizzare le informazioni false, manipolate, fake, che girano nel web attraverso i social, i media, i canali internet”.

Alla prima lezione del corso, aperta anche agli studenti dei licei, interverranno Adriana Piancastelli Manganelli e Mirko Lapi, quest’ultimo titolare dell’insegnamento. Piancastelli terrà una lectio magistralis dal tema “Tra virtuale e reale. La distorsione dell’informazione”.

Promo