Distributori di bevande: assolti a Larino tre dipendenti ex Fiat

758 Visite

“Clonavano” chiavette elettroniche violando il sistema di pagamento dei distributori automatici di bevande ed alimenti presenti negli stabilimenti ex Fiat di Termoli e Sevel di Atessa (Chieti). Scoperti dai Carabinieri della Compagnia di Termoli nel 2014, finirono agli arresti 15 persone: 8 ai domiciliari e 7 in carcere.

Oggi, tre persone, dipendenti dello stabilimento automobilistico di Termoli, a distanza di 8 anni dall’inchiesta, sono state assolte. Il Tribunale di Larino (Campobasso), a conclusione del procedimento giudiziario, ha dato seguito alle tesi difensive degli imputati, portate avanti dagli avvocati larinesi Fausi Khalifh Iannucci e Michele Liguori.

L’inchiesta dell’Arma, coordinata dagli inquirenti frentani, coinvolse i reparti dei militari di Campobasso, Foggia, Larino (Campobasso), San Severo (Foggia), Manfredonia (Foggia) e Lanciano (Chieti). Secondo l’accusa gli arrestati, dopo aver violato il sistema di pagamento con chiavetta elettronica dei distributori automatici di bevande nell’ex Fiat di Termoli e Sevel, smerciavano le chiavette clonate a numerosi compagni di lavoro anche di altri impianti automobilistici. La difesa ha dimostrato l’estraneità ai fatti contestati dei tre operai.

Promo