Foggia: sindaco di San Giovanni Rotondo, comunità unita nella lotta contro la violenza

114 Visite

“Sono costernato per quanto accaduto. Questa città non la vedo nella capacità di fare simili cose, quindi sono incavolato e mi stringo, assieme all’intera comunità, alla vittima della violenza”. Così a LaPresse il sindaco di San Giovanni Rotondo (Foggia), Michele Crisetti, sugli arresti di tre ragazzi di 20 anni, per aver violentato una donna conosciuta in un locale, la sera del 27 gennaio scorso.

“E’ un gesto sentito da tutti. Non c’è stata persona che abbia incontrato questa mattina, che non mi abbia testimoniato solidarietà e al tempo stesso si sia detta amaramente sorpresa”, prosegue il primo cittadino.

“Personalmente vivo con particolare tristezza e rabbia quanto accaduto, avendo due figlie. Devo ringraziare le forze dell’ordine per il lavoro fatto in breve tempo. Nel caso in cui ci dovesse essere un processo e qualora ce ne siano le condizioni, il Comune si costituirà parte civile”, anticipa il primo cittadino.

“Le statistiche, purtroppo, ci dicono che questi reati resistono. C’è quell’atteggiamento del maschio stupido che prevale ed è per questo che ritengo fondamentale continuare l’impegno nell’istruzione dei nostri ragazzi, senza mai abbassare la guardia sul piano dell’attenzione”, aggiunge. “Tra qualche giorno si celebra la festa della donna, ma io non so a San Giovanni Rotondo cosa avremo da festeggiare. Il mio stato d’animo è questo”, conclude il sindaco Crisetti.

Promo