Tangenti: chiuse indagini su ex sindaco di Foggia e altri 16

373 Visite

 La Procura di Foggia ha chiuso le indagini sul presunto giro di tangenti al comune del capoluogo foggiano che vede coinvolti tra gli altri l’ex sindaco, il leghista Franco Landella, e l’ex presidente del consiglio comunale, Leonardo Iaccarino, quest’ultimo uno dei principali accusatori dell’ex primo cittadino.

Il comune di Foggia è stato sciolto per mafia il 6 agosto scorso. Dai 14 indagati della prima fase dell’inchiesta si e’ saliti agli attuali 17. Tra questi vi sono ex amministratori pubblici, dipendenti comunali, imprenditori e privati cittadini. Sono accusati, a vario titolo, di tentata concussione, corruzione, peculato, tentata induzione indebita e istigazione alla corruzione. Adesso gli indagati hanno venti giorni di tempo per chiedere di essere interrogati, depositare memorie difensive e sollecitare nuove indagini. Dopodiche’ la Procura decidera’ se chiedere il rinvio a giudizio.

L’inchiesta, che si basa su accertamenti, intercettazioni e parziali ammissioni di alcuni indagati, ha portato tra il 30 aprile e 22 maggio 2021 all’arresto di una mezza dozzina di persone, compresi l’ex sindaco, l’ex presidente del consiglio comunale, alcuni consiglieri comunali e imprenditori. Gli indagati da tempo sono tornati in liberta’. Al centro dell’inchiesta una serie di appalti per la pubblica illuminazione, progetti urbanisti, forniture e acquisti di regali a scopo privato di materiale vario pagato con fondi in dotazione all’ex presidente del consiglio comunale. Tra le parti offese ci sono il comune di Foggia e due imprenditori.

Promo