Foggia, amara anche la Juve Stabia: finisce 3-1 al Menti

127 Visite

Non è fortunato l’inizio del 2022 per il Foggia. Dopo il
Latina, anche la Juve Stabia prevale sui rossoneri: finisce 3-1 una gara
compromessa da alcuni fatali errori difensivi, pur avendo in alcuni frangenti
di gara prodotto occasioni importanti, gli uomini di Zeman.

Formazioni: modulo 4-3-3 per i dauni, col neoacquisto di
Paolantonio subito in campo ed appena 16 elementi disponibili compresa la
panchina, vespe col 4-2-3-1. Avvio frizzante: al 1’ Bentivegna trova un varco e
va al tiro, Alastra devia in angolo. Al 15’ si vedono gli ospiti: assist
invitante di Gallo in area per Vitali, che si fa però ipnotizzare da Dini. Al
25’ altro brivido: Garofalo dalla lunga distanza scaglia un bolide che centra
la traversa, al 27’ è insidioso anche Vitali. Ma proprio nel momento migliore
del Foggia passa la Juve Stabia: 29’, punizione di Ceccarelli. La deviazione
involontaria di Di Pasquale porta al vantaggio campano. Il raddoppio arriva al
32’: errore difensivo, Stoppa si inserisce tra Di Pasquale e Alastra e fa 2-0.

Nella ripresa replica foggiana al 52’ con Curcio: punizione
insidiosa, fuori di poco. Ma al 69’ il tris è servito: bell’azione sull’asse
Schiavi-Stoppa, con quest’ultimo che sorprende Girasole e batte ancora una
volta Alastra. All’84’ accorcia le distanze il Foggia: Rizzo Pinna trova la
rete con un buon tiro dalla distanza. All’89’ Alastra si riscatta: calcio di
rigore Juve Stabia per precedente fallo di Girasole su Guarracino, respinto il
tentativo di Schiavi.

Gennaio è alle spalle, ma è ancora tempo di correre: nel
prossimo turno c’è il Potenza. 

Promo