Foggia, giudici si riservano su incandidabilità Landella

163 Visite

I giudici della prima sezione civile del tribunale di Foggia si sono riservati di decidere in merito alla richiesta di incandidabilità formulata dal Ministero dell’Interno per l’ex sindaco di Foggia, il leghista Franco Landella ed altri 9 ex consiglieri comunali.

Oltre al primo cittadino arrestato il 21 maggio scorso (e poi rimesso in libertà ) con l’accusa di tentata concussione e corruzione nel’ambito di una inchiesta su un presunto giro di tangenti, il ministero ha chiesto anche l’incandidabilità per i consiglieri comunali Leonardo Iaccarino (arrestato e poi rimesso in liberta’ il 30 aprile con le accuse corruzione, tentata induzione indebita e peculato), Antonio Capotosto, Consalvo Di Pasqua, Dario Iacovangelo, Liliana Iadarola, Erminia Roberto, Bruno Longo, Pasquale Rignanese e Lucio Ventura.

La decisione potrebbe arrivare gia’ nei prossimi giorni. Nelle scorse settimane gli ex amministratori avevano presentato, attraverso i loro legali, memorie scritte. Tutti – secondo la richiesta avanzata dal Ministero – sono ritenuti responsabili dello scioglimento per mafia del comune di Foggia avvenuto il 6 agosto scorso.

Promo