Foggia, bombe e incendi: impegnato in indagini pol artificieri, biologi e chimici polizia scientifica

96 Visite

Un pool di specialisti, composto da artificieri, biologi e chimici del servizio di Polizia Scientifica di Roma e del Gabinetto Interregionale di Bari, esaminerà il materiale repertato in occasione degli attentati incendiari e dinamitardi, avvenuti nel giro di pochi giorni all’inizio dell’anno, a Foggia e San Severo, ai danni di alcuni esercizi commerciali.

Gli esperti della Scientifica sono dotati di specifiche competenze nel campo delle scienze biologiche, chimiche, fisiche e dattiloscopiche e sono abilitati ad effettuare particolari accertamenti di polizia giudiziaria. L’attività di questi specialisti della Polizia di Stato costituisce, pertanto, spiegano dalla Questura, ”un supporto imprescindibile nell’ambito delle investigazioni, in particolare per l’esame e l’analisi delle tracce repertate sul luogo dove si è commesso un delitto”.

Adesso, d’intesa con l’Autorità Giudiziaria, gli elementi raccolti sulla scena del crimine, per i vari reati consumati recentemente in provincia di Foggia, potranno essere esaminati e studiati più approfonditamente in laboratori di analisi dotati di strutture e tecnologie all’avanguardia. Questi esami seguono ai servizi ad ‘alto impatto’, attuati dopo il vertice nazionale per l’ordine e la sicurezza pubblica presieduto lunedì scorso nella Prefettura di Foggia dal ministro dell’Interno Luciana Lamorgese. Sono stati impiegate centinaia di appartenenti delle Forze dell’Ordine impegnati in perquisizioni, posti di blocco e di controllo.

Promo