Foggia. Cardinale Parolin: nella Casa Sollievo continua lo spirito di Padre Pio

88 Visite

“Ho percepito oggi che qui dentro non solo si lavora in maniera seria e tecnicamente eccellente, ma c’è soprattutto un grande spirito, quello di Padre Pio, che continua a vivere ed essere presente in tutti voi operatori”. 

Così il segretario di Stato Vaticano, il cardinale Pietro Parolin, ieri a San Giovanni Rotondo (Foggia), nel discorso a conclusione della visita nell’ospedale Casa Sollievo della Sofferenza.

“Vi invito davvero a conservare questo carisma perché questa struttura, questa istituzione possa continuare ad essere un segno della presenza e dell’azione della Chiesa. 

Sono contento che sia presente anche il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, e sono contento delle parole che ha pronunciato che ci dicono come la Regione vuole continuare a sostenere, appoggiare e aiutare secondo le sue competenze questa istituzione”, ha detto.

“La visita fatta oggi mi ha permesso di toccare con mano quello che l’arcivescovo, padre Franco Moscone, mi raccontava: Casa Sollievo della Sofferenza è un gioiello ed io sono davvero pieno di gioia per questo incontro”, ha continuato. 

“Forse tutto questo che abbiamo visto oggi è da considerarsi parte del paradigma suscitato dalla ormai nota frase pronunciata da Padre Pio il 5 maggio 1956 in occasione dell’inaugurazione di Casa Sollievo: E’ stato deposto nella terra un seme che il Signore riscalderà con i Suoi raggi d’amore. 

Adoperiamoci tutti affinché questo seme prosperi e fruttifichi costantemente in modo che l’Opera sia sempre più luogo di concreto e prezioso sollievo nei confronti di tutti i sofferenti che ad essa si affidano”.

Promo